WOJTYLA: PUBBLICATE LE INFORMATIVE DEI SERVIZI POLACCHI

WOJTYLA: PUBBLICATE LE INFORMATIVE DEI SERVIZI POLACCHI

La prima scheda della polizia risale al maggio 1946 quando Karol Wojtyla, non ancora sacerdote, e' tra i membri dell'organizzazione studentesca "Bratia Pomoc", Soccorso fraterno, che svolgeva un'attivita' culturale patriottica. La sorveglianza nei suoi confronti diventa costante a partire dal 1952, allorche' il governo di Varsavia lancia una durissima campagna anti-religiosa che culmina con l'internamento del Primate di Polonia, il card. Stefan Wyszynski, e gli arresti di molti sacerdoti e vescovi. Nel rapporto Sb del 2 ottobre 1953 si puo' leggere il resoconto di una dichiarazione molto preoccupata di don Wojtyla: "Sono pronto al peggio, tanto piu' che molti preti non nascondono la volonta' di collaborare col regime. Ci aspettiamo una forte infiltrazione tra i nostri seminaristi e quindi dobbiamo vigilare, proprio come fanno i nostri avversari". A pubblicare il testo di questa informativa e' il quotidiano cattolico Avvenire, che cita  "Ku prawdzie i wolnosci", Verso la verita' e la liberta' (sottotitolo: "Gli organi di sicurezza comunisti e Karol Wojtyla"), un libro edito da Wam, la casa editrice dei gesuiti di Cracovia, nella collana dedicata agli "Indomiti", coloro che si sono opposti alla dittatura rossa. "Ne esce una testimonianza di eroicita' quotidiana e di santita', scritta involontariamente da chi odiava la Chiesa", commenta Luigi Geninazzi, l'inviato del quotidiano Cei per l'Est Europeo. Il rapporto dimostra comunque "la grande sensibilita' del giovane sacerdote per l'unita' del clero minacciata dalla propaganda governativa", dice Marek Lasota, direttore della sezione di Cracovia dell'Ipn, l'Istituto per la memoria storica che conserva buona parte degli archivi dell'epoca comunista. In sostanza abbiamo a disposizione  il ritratto di Karol Wojtyla, visto, descritto e analizzato dai suoi "nemici", gli uomini del regime comunista incaricati di sorvegliarlo, pedinarlo e controllarlo passo dopo passo. Si tratta dei documenti conservati negli archivi del SB, i servizi segreti polacchi, redatti dagli informatori dal 1946 al 1978, vale a dire dal primo giorno di sacerdozio fino all'ascesa al pontificato. Non sappiamo se e quando il volume sara' pubblicato anche in Italia, ma gia' oggi un interessante compendio lo si puo' trovare nella rivista "La nuova Europa" in uscita a fine ottobre, a cura di Angelo Bonaguro del Centro Russia Cristiana. Dunque subito dopo la guerra, il futuro Papa e' gia' nel mirino e la rete degli informatori attorno a lui diventa sempre piu' stretta. Nel 1958, a soli 38 anni, Wojtyla diventa vescovo ed i confidenti dei servizi segreti sottolineano che la sua nomina e' stata accolta "con soddisfazione dal clero", ricordando poi che "il neo-vescovo continua a presentarsi con una talare vecchia e logora, si dice che dia tutto ai poveri a tal punto che qualcuno ha organizzato una colletta per comprargli mobilio e un vestito nuovo". Dai rapporti della polizia emerge l'assillo per gli incontri informali che monsignor Wojtyla organizza in curia. A questo punto diventano essenziali gli infiltrati, preti che fanno il doppio gioco e che cercano in tutti i modi di entrare di nascosto nelle stanze del vescovo. A leggerli oggi sembrano tentativi buffi e ridicoli, ma dicono fino a che punto erano decisi a spingersi nel controllo totale delle persone. Anche perche' non riuscivano ad avere le idee chiare. Nel 1964, quando Wojtyla diventa arcivescovo di Cracovia, viene descritto come "un moderato, uno poco aggressivo che vuole evitare conflittualita'" ma al tempo stesso si nota che "i suoi interventi pubblici insistono sui diritti sociali e in genere contengono concetti filosofici molto difficili da capire per l'ascoltatore medio". Nasce qui il grande abbaglio del regime comunista che tende a considera il presule di Cracovia "un intellettuale astratto", non pericoloso dunque. Ma le informative si riempiono di stizza quando si batte per costruire una chiesa nel quartiere operaio di Nowa Huta. E ancor piu' quando, nei primi anni Settanta, il cardinale Wojtyla lancia una vera e propria battaglia per "la liberta' di educazione". Il regime inizia a temerlo perche' "pur non professando apertamente un'ostilita' politica e' molto dannoso dal punto di vista ideologico, specialmente per il suo influsso sugli intellettuali". Ma chi erano gli informatori? Quasi tutti furono reclutati tra il clero, dapprima con la forza, poi blanditi con ricompense o addirittura convinti che la loro attivita' non fosse una delazione ma un contributo al miglioramento dei rapporti Stato-Chiesa. E' una squallida galleria di preti ricattati per le loro debolezze, non solo di tipo sessuale. E tutti manovrati dalla famigerata IV Divisione del Ministero degli Interni, incaricata di sorvegliare gli uomini di Chiesa. A questo scopo nel 1969 venne stilata una circolare segreta con 98 richieste ai confidenti, un elenco dettagliato di domande sulla vita quotidiana del cardinale di Cracovia, cosa fa appena alzato, fuma, gioca o beve alcolici, quali programmi tv guarda, quando va dal dentista e perfino, che dopobarba usa.Un delirio da Grande Fratello orwelliano. E che spreco di risorse e di energie. Alla fine gli spioni non sono serviti a nulla, Wojtyla diventera' Papa e per il comunismo sara' l'inizio della fine.

Ottobre 2010



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it