Venezia cinema: 'Fill the void', le "super donne" di Tel Aviv

(AGI) - Venezia, 2 set. - Protagonista della pellicola 'Fillthe Void', dell'israeliana Rama Burshtein, in concorso allaMostra di Cinema di Venezia, e' la diciottene Shira,appartenente a una famiglia ebrea ortodossa di Tel Aviv. Shira,interpretata da una brava Hadas Yaron, e' stata promessa insposa a un coetaneo. La sua eccitazione e' alle stelle, ma lecose cambiano quando muore durante il parto la sorella maggioreEsther. Il viaggio di Rama ci porta all'interno della comunita'chassidica con le sue regole e i suoi riti. "Ho lavorato moltoper cercare conoscere al meglio quel mondo - afferma

(AGI) - Venezia, 2 set. - Protagonista della pellicola 'Fillthe Void', dell'israeliana Rama Burshtein, in concorso allaMostra di Cinema di Venezia, e' la diciottene Shira,appartenente a una famiglia ebrea ortodossa di Tel Aviv. Shira,interpretata da una brava Hadas Yaron, e' stata promessa insposa a un coetaneo. La sua eccitazione e' alle stelle, ma lecose cambiano quando muore durante il parto la sorella maggioreEsther. Il viaggio di Rama ci porta all'interno della comunita'chassidica con le sue regole e i suoi riti. "Ho lavorato moltoper cercare conoscere al meglio quel mondo - afferma la giovaneHadas - dovevo cercare di sviluppare certe emozioni per capirecosa porta Shira a compiere quelle scelte. Shira e' diversa dame perche' non conosce quei sentimenti che deve sperimentare.Non ha visto film romantici, come successo a me. E' confusa".Il viaggio e' anche nel mondo delle donne. "Quando osservavo ilmondo ortodosso venti anni fa non aveva un aspetto invitante -afferma la regista - oggi le donne producono, scrivono edistribuiscono film e allo stesso tempo sono madri e gestisconogli affari di famiglia. Sono delle 'super donne'. Shira e' unaragazza che nel corso del film si trasforma in donna". .