VACANZE: I LAST MINUTE POSSONO ESSERE UN INCUBO

VACANZE: I LAST MINUTE POSSONO ESSERE UN INCUBO

Villaggi sulla carta che scompaiono sul posto, alberghi a 5 stelle che si riducono a pensioni, voli che ti lasciano a terra. Una vacanza che puo' trasformarsi in una disavventura. In tempi di crisi la voglia di risparmiare puo' giocare brutti scherzi e rovinare un'estate. Gli esperti consigliano di tenere l'occhio vigile quando si effettuano le prenotazioni on-line, e scegliere con attenzione le agenzie di viaggio. Ritardi dei trasporti, bagagli smarriti, costi non previsti al momento della prenotazione, impegni assunti dal tour operator e non rispettati, case in affitto al mare che si rivelano invece lontane dalla costa, sono solo alcuni dei pericoli che si nascondono dietro agenzie non autorizzate. Ogni scelta puo' nascondere piccole insidie, se non addirittura veri e propri raggiri. Gli italiani che rimangono vittime di truffe on line sono in continuo aumento. Circa il 50% in piu' rispetto allo scorso anno. Il fatturato del commercio on-line ha raggiunto cifre a parecchi zeri. Nel 2009 si prevede che gli italiani spenderanno in questo settore 8 miliardi di euro , ed il 50% riguardera' i pacchetti turismo e i biglietti aerei. La Federconsumatori, come tutti gli anni, invita alla prudenza. "Le norme ci sono - dice il vice-presidente di Federconsumatori, Mauro Zanini - ma non tutti le conoscono. C'e' il diritto ad avere informazioni precise sui prezzi, c'e' il diritto di recesso, c'e' la garanzia biennale sul bene che si acquista. In Italia, ormai, molte famiglie hanno una connessione internet ad alta velocita'. Ma c'e' sfiducia nelle prenotazioni on-line: solo il 12% degli utenti si sente tranquillo, il 39% nutre molti dubbi, il restante 49% non ci prova neanche". Se internet non garantisce tutti, anche coloro che si rivolgono alle agenzie potrebbero incontrare sgradite sorprese. Come fare per garantirsi sull'affidabilita'? "Ogni agenzia deve possedere regolare autorizzazione regionale - afferma il presidente Fiavet, Cinzia Renzi - oltre ad un'assicurazione di responsabilita' civile. Se si compra un pacchetto basta firmare un contratto dove sono riportati tutti i numeri dell'agenzia. Cosi' il cliente e' tutelato". Ma anche questo non sembra bastare. Di agenzie in Italia se ne contano almeno 12.500. "Ma quelle affiliate alla nostra associazione - continua Renzi - sono, piu' o meno, 5.000". Poi ci sono le "agenzie fantasma". "Magari nascono con l'intenzione di truffare, o magari - dice Renzi - sono semplici collaboratori di agenzie che offrono pacchetti al buio. Il cliente non deve mai lasciarsi influenzare dal prezzo stracciato. E' bene fare controlli piu' accurati sulle autorizzazioni rilasciate e accertarsi che l'agenzia sia in regola". Telefono Blu Italia, l'associazione consumatori per la salvaguardia dei diritti del turista, raccoglie 1.500.000 visitatori all'anno sul proprio sito. "Negli ultimi 3 anni sono triplicati i raggiri sia on-line che nelle agenzie. Sul 33% delle prenotazioni - dice il presidente di Telefono Blu Italia, Pierre Orsoni - il 2-3% subisce raggiri. sembra una cifra insignificante, ma in realta' riguarda un numero consistente di persone". Ai viaggiatori dell'ultimo minuto, che sono anche quelli piu' esposti alle insidie degli operatori mordi e fuggi, le organizzazioni dei consumatori e dei tour operator lanciano un pressante appello a tenere gli occhi bene aperti per evitare che le vacanze si trasformino in viaggi dell'orrore.

CONSIGLI PER EVITARE TRUFFE E RAGGIRI

- 1) Chi acquista un pacchetto viaggio deve chiedere all'agenzia di redigere per iscritto il contratto che deve contenere tutti gli estremi che riguardano soggiorno, trasporto, trasferimenti accessori ecc.., ed il prezzo dell'intero viaggio;
- 2) Se si prenota on-line, e' consigliabile scaricare la pagina della prenotazione e salvarla: questo per visualizzare ora e data per un'eventuale testimonianza;
- 3) Effettuare il pagamento con carte ricaricabili (per es. Poste-pay) anziche' con le carte di credito (piu' facile l'accesso ai dati);
- 4) Se il luogo del soggiorno risulta differente da quello fissato nel contratto, ad es. un albergo a tre stelle, anziche' a quattro, rivolgersi subito al referente presente nella localita' di soggiorno (deve essere indicato dall'agenzia di viaggi o dal tour operator) e chiedere la sistemazione concordata, ricordando che deve essere uguale o superiore (albergo a 5 stelle, in luogo dell'albergo a 4 stelle e non viceversa);
- 5) Se si incorre nel fenomeno dell'overbooking per il trasporto aereo e' obbligo della compagnia risarcire gli eventuali danni derivanti dal ritardo nell'imbarco. Nel caso in cui si acquista un pacchetto turistico rivolgersi al tour operator per l'overbooking, poiche' questo e' responsabile dei danni derivati dall'esecuzione del trasporto;
- 6) Se non si ottiene l'imbarco a causa di altri problemi, rivolgersi alla compagnia aerea per il risarcimento dei danni conseguenti al mancato imbarco, oppure all'agenzia, se si acquista un pacchetto turistico;
- 7) Per i viaggi "last minute" accertarsi delle caratteristiche del viaggio mediante opuscoli, ovvero fax del rivenditore, poiche' il minor prezzo del Last minute non deve comportare assolutamente un trattamento peggiore, ma al pari di qualsiasi viaggio deve assicurare il trattamento promesso. Spesso sotto la forma di "last minute" si nascondono le truffe piu' pericolose;
- 8) Per qualsiasi difformita' del viaggio rispetto a quello prospettato si puo' agire in giudizio per il risarcimento del danno. A tal fine e' consigliabile innanzitutto cercare di documentare nel miglior modo possibile i disservizi subiti, attraverso foto, video o anche testimonianze, e al ritorno dal viaggio inviare una lettera raccomandata per contestare quanto avvenuto in viaggio entro il termine di 10 giorni. In caso di mancato risarcimento, e' necessario rivolgersi a un avvocato di fiducia per un'azione giudiziaria.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it