TUNGNGAAN 3D (THE CHILD’S EYE 3D) - OXIDE PANG, DANNY PANG (Fuori concorso)

TUNGNGAAN 3D (THE CHILD’S EYE 3D) - OXIDE PANG, DANNY PANG (Fuori concorso)

Bloccati in Tailandia dai tumulti politici e dalla chiusura dell’aeroporto, Rainie e i suoi amici non possono tornare a casa e si stabiliscono con riluttanza in un vecchio albergo scalcinato. Assieme a lei ci sono Lok, il ragazzo che Rainie sta quasi per lasciare, Ling e suo fratello Rex e Ciwi assieme al suo adorato Hei, il suo compagno. Appena si presenta in albergo, il gruppo si imbatte in tre bizzarri bambini e in un cagnolino e da quel momento cominciano a susseguirsi strani avvenimenti. Il giorno dopo Lok, Rex e Hei spariscono nello stesso momento. Le tre ragazze perlustrano tutto l’albergo nella speranza di ritrovare i tre giovani scomparsi, ma ogni tentativo è vano. Decise a salvare i loro amici dispersi, le ragazze si fanno coraggio per scoprire la verità e più indagano, più spaventosi sono i fatti che vengono alla luce nello squallido albergo... Rainie cerca disperatamente di carpire informazioni a zio Chuen, il proprietario della struttura, che però finge di non sapere nulla. Dopo poco anche Ling e Ciwi si trovano nei guai e Rainie rimane da sola a combattere contro l’ignoto. Alla fine, con l’aiuto del cagnolino che vede i fantasmi, Rainie accede a un altro mondo e va alla ricerca della verità. La vita di tutti è nelle sue mani… a budget elevato. Pertanto, per Tungngaan abbiamo optato per un cast giovanissimo, combinato con una serie di effetti speciali e con le più moderne tecnologie 3D, allo scopo di proporre al pubblico la migliore esperienza cinematografica e più all’avanguardia. Tungngaan sarà probabilmente il primo film dell’orrore asiatico in 3D, e ci auguriamo che con quest’opera il genere horror asiatico tocchi nuove vette.

4 settembre 00:00
- Sala Grande FUORI CONCORSO Tungngaan 3D (The Child’s Eye 3D) di Oxide Pang, Danny Pang - Cina-Hong Kong, 100'
v. o. cantonese/mandarino - s/t inglese
Rainie Yang, Elanne Kwong, Shawn Yue



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it