Tumori: un'aspirina al di' blocca crescita cancro seno

(AGI) - Washington, 15 giu. - Un'aspirina al giorno potrebbeaiutare a bloccare la crescita del cancro al seno. Lo hascoperto un gruppo di ricercatori del Cancer Research Unit delKansas City Veterans Affairs Medical Center, in uno studioapparso su Laboratory Investigation. Precedenti ricercheavevano rilevato che il comune farmaco puo' contribuire abloccare la diffusione del cancro al colon, dei tumorigastrointestinali e del cancro alla prostata. Ora i ricercatorihanno svelato che puo' funzionare anche contro il tumore alseno. In particolare, secondo gli studiosi, l'aspirina potrebbeessere utilizzata per ridurre il rischio di sviluppare tumori

(AGI) - Washington, 15 giu. - Un'aspirina al giorno potrebbeaiutare a bloccare la crescita del cancro al seno. Lo hascoperto un gruppo di ricercatori del Cancer Research Unit delKansas City Veterans Affairs Medical Center, in uno studioapparso su Laboratory Investigation. Precedenti ricercheavevano rilevato che il comune farmaco puo' contribuire abloccare la diffusione del cancro al colon, dei tumorigastrointestinali e del cancro alla prostata. Ora i ricercatorihanno svelato che puo' funzionare anche contro il tumore alseno. In particolare, secondo gli studiosi, l'aspirina potrebbeessere utilizzata per ridurre il rischio di sviluppare tumorisecondari da 5 a 10 anno dopo la prima diagnosi. Il segretodell'effetto dell'aspirina si celerebbe, hanno spiegato iricercatori, nella sua capacita' di creare condizionisfavorevoli alle cellule staminali del cancro, impedendone lariproduzione. Lo studio si e' focalizzato sulle recidive. "Lecellule tumorali sopravvissute alla chemioterapia o ad altritrattamenti rimangono dormienti fino a quando le condizioni delcorpo non diventano piu' favorevoli per la loro riproduzione",ha spiegato Sushanta Banerjee, autore dello studio. "Quandoriappaiono possono essere molto aggressive", ha aggiunto. Perverificare che l'aspirina possa funzionare, i ricercatori hannocondotto una serie di test su cellule del cancro al seno incoltura. Poco piu' della meta' delle colture sono state espostea diverse dosi di aspirina. Ebbene, l'esposizione al farmaco haaumentato il tasso di morte cellulare. La seconda parte dellostudio ha invece coinvolto oltre 20 topi affetti da tumoriaggressivi. Per 15 giorni, la meta' dei topi ha ricevutol'equivalente umano di 75 milligrammi di aspirina al giorno,una dose considerata bassa. Alla fine del periodo di studio, itumori sono stati pesati. Ebbene, i topi che hanno ricevutol'aspirina avevano tumori in media del 47 per cento piu'piccoli. I ricercatori hanno condotto anche esperimenti perdimostrare che l'uso regolare di aspirina puo' prevenire ilcancro. Per farlo un altro gruppo di topi ha ricevuto ilfarmaco per 10 giorni prima di essere esposti alle celluletumorali. Dopo 15 giorni, i topi avevano una crescita dicellule cancerose significativamente inferiore rispetto algruppo di controllo. "Abbiamo trovato che l'aspirina haprovocato la perdita delle proprieta' di auto-rinnovamento diqueste cellule tumorali residue", ha detto Banerjee. "Insostanza, non potevano crescere e riprodursi", ha aggiunto.Secondo gli studiosi quindi si potrebbe dare l'aspirina dopo lachemioterapia per prevenire le ricadute. (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it