Tumori: Cnr, mutazioni genetiche temporanee in cancro colon retto

(AGI) - Roma, 3 dic. - Si arricchisce la conoscenza deimeccanismi alla base dello sviluppo del tumore del colon-retto.Un gruppo di lavoro coordinato da Antonio Musio, ricercatoreall'Istituto di ricerca genetica e biomedica del Consiglionazionale delle ricerche (Irgb-Cnr), ha identificato ilmeccanismo molecolare alla base della malattia, portando nuoveinformazioni sui processi biologici. Lo studio e' statopubblicato sulla rivista 'Human Molecular Genetics'. "Mentre ingenere nei tumori i geni vengono identificati perche'presentano delle mutazioni permanenti, la nostra ricercadimostra che non sempre i geni cancerogeni lasciano un'improntastabile nel tempo", ha spiegato Musio. Pertanto anche

(AGI) - Roma, 3 dic. - Si arricchisce la conoscenza deimeccanismi alla base dello sviluppo del tumore del colon-retto.Un gruppo di lavoro coordinato da Antonio Musio, ricercatoreall'Istituto di ricerca genetica e biomedica del Consiglionazionale delle ricerche (Irgb-Cnr), ha identificato ilmeccanismo molecolare alla base della malattia, portando nuoveinformazioni sui processi biologici. Lo studio e' statopubblicato sulla rivista 'Human Molecular Genetics'. "Mentre ingenere nei tumori i geni vengono identificati perche'presentano delle mutazioni permanenti, la nostra ricercadimostra che non sempre i geni cancerogeni lasciano un'improntastabile nel tempo", ha spiegato Musio. Pertanto anche unamutazione transitoria in geni importanti per la divisonecellulare potrebbe dare origine al processo tumorale."Analizzando adenomi precoci, fase precancerosa dello sviluppodel tumore colon-rettale, abbiamo identificato un'elevatafrequenza di mutazioni nel gene SMC1A che garantisce lacorretta divisione cellulare. Come conseguenza di cio', lecellule presentano instabilita' del genoma che promuove losviluppo tumorale", ha detto il ricercatore Irgb-Cnr. "Lanovita' della ricerca sta nella dimostrazione - ha continuato -che la frequenza di tali mutazioni diminuisce proprio neicarcinomi colon-rettali: contrariamente a quanto si e' pensatosinora, basterebbe quindi una mutazione transitoria in geniimportanti nella duplicazione del genoma per causare latrasformazione tumorale". .