Tumori: Aipa replica a studio su integratori e cancro prostata

(AGI) - Torino, 7 ott - L'Aipa, Associazione Italiana IndustrieProdotti Alimentari in collaborazione con il professor GiovanniScapagnini replica alle conclusioni dello studio condotto da ungruppo di ricerca delle Molinette di Torino sugli effetti degliintegratori alimentari e il cancro alla prostata, affermandoche "non e' corretto generalizzare in termini negativi edallarmistici, considerando che i risultati sono stati elaboratia partire da pochi dati disponibili". "Lo studio condotto dalgruppo delle Molinette e pubblicato ad aprile sulla rivista"Prostate" - sottolinea una nota dell'Aipa - utilizza unamiscela di tre integratori combinati in soggetti (45-75 anni)gia'

(AGI) - Torino, 7 ott - L'Aipa, Associazione Italiana IndustrieProdotti Alimentari in collaborazione con il professor GiovanniScapagnini replica alle conclusioni dello studio condotto da ungruppo di ricerca delle Molinette di Torino sugli effetti degliintegratori alimentari e il cancro alla prostata, affermandoche "non e' corretto generalizzare in termini negativi edallarmistici, considerando che i risultati sono stati elaboratia partire da pochi dati disponibili". "Lo studio condotto dalgruppo delle Molinette e pubblicato ad aprile sulla rivista"Prostate" - sottolinea una nota dell'Aipa - utilizza unamiscela di tre integratori combinati in soggetti (45-75 anni)gia' ad elevato rischio di sviluppare un adenocarcinomaprostatico". Inoltre, prosegue, "la ricerca e' stata condottasu un campione molto esiguo di pazienti: 60 soggetti, meta'trattati e meta' placebo e la valutazione e' stata effettuata a6 mesi di trattamento con una miscela di licopene, selenio ecatechine del the". Infine, secondo l'Aipa, "i dosaggiutilizzati nello studio sono molto elevati, oltre il doppio deilimiti consentiti dalle linee guida del Ministero della Saluteper gli integratori alimentari; negli integratori e' garantitala sicurezza d'uso alle dosi consigliate". "E' bene ricordare -conclude la nota dell'Associazione Italiana Aipa - che i trecomposti, considerati singolarmente in studi molto piu' ampi,hanno, invece, dimostrato efficacia nel preservare lafisiologia prostatica o comunque nessun aumento del rischio diinsorgenza del cancro. E' tuttavia importante indagare lepossibili conseguenze dell'uso di associazioni di integratoriin soggetti precancerosi". .