Trapianti: alla Cattolica primo intervento di flora intestinale

(AGI) - Roma, 10 mar. - Un gruppo di ricercatori della Facolta'di Medicina e Chirurgia dell' Universita' Cattolica di Roma,servendosi della colonscopia, ha guarito pazienti con una graveforma di diarrea batterica (da Clostridium difficile)altrimenti incurabile, trapiantando nel loro intestino la floraintestinale di donatori sani in una sperimentazione clinicasenza precedenti al mondo. I risultati dello studio sono statipubblicati sulla rivista Alimentary Pharmacology andTherapeutics. Il trapianto di microbiota intestinale consistenella infusione di materiale fecale prelevato da un donatoresano nel tratto intestinale del paziente. L'efficacia dellaprocedura, sempre piu' spesso utilizzata negli ultimi

(AGI) - Roma, 10 mar. - Un gruppo di ricercatori della Facolta'di Medicina e Chirurgia dell' Universita' Cattolica di Roma,servendosi della colonscopia, ha guarito pazienti con una graveforma di diarrea batterica (da Clostridium difficile)altrimenti incurabile, trapiantando nel loro intestino la floraintestinale di donatori sani in una sperimentazione clinicasenza precedenti al mondo. I risultati dello studio sono statipubblicati sulla rivista Alimentary Pharmacology andTherapeutics. Il trapianto di microbiota intestinale consistenella infusione di materiale fecale prelevato da un donatoresano nel tratto intestinale del paziente. L'efficacia dellaprocedura, sempre piu' spesso utilizzata negli ultimi anni invarie parti del mondo, si basa sulla reintroduzione e sulrecupero della normale flora microbica intestinale capace dineutralizzare e contrastare il Clostridium difficile. La via disomministrazione puo' dipendere dalle disponibilita' e dallecompetenze delle strutture sanitarie locali e puo' prevederel'uso di sondini naso-gastro-digiunali, clisteri, colonscopia.Quest'A ultima ha una maggiore efficacia sul piano terapeutico(oltre il 90 per cento di guarigioni), in quanto permette diposizionare la microflora donata direttamente nella sede dell'Ainfezione, ed e' maggiormente accettata dai pazienti rispettoal sondino. La procedura e' poco costosa e sufficientementesicura. Nella sperimentazione clinica condotta al PoliclinicoGemelli si e' per la prima volta confrontata l'A efficacia deltrapianto attraverso colonscopia con la terapia antibioticaclassica con vancomicina. E' guarito il 90 per cento deipazienti cui e' stata trapiantata, usando la colonscopia, laflora intestinale di donatori sani contro il 26 per cento deipazienti trattati unicamente con antibiotico. A oggi, l'Unita'Operativa di Gastroenterologia del Policlinico Gemelli di Roma,diretta da Antonio Gasbarrini, e' l'unica in Italia a offrireil trapianto di microbiota intestinale quale opzioneterapeutica per pazienti con infezione recidivante daClostridium difficile. "A Questo trial - ha detto Gasbarrini -contribuira' a diffondere la metodica del trapianto dimicrobiota in altri centri". .