Scoperta strategia per silenziare gene resistenza antibiotici

(AGI) - Washington, 9 set. - Un gruppo di ricercatori dellaOregon State University ha sintetizzato una molecola in gradodi silenziare il gene responsabile di una grave resistenza agliantibiotici di alcuni batteri. Lo studio, presentatoall'Interscience Conference on Antimicrobial Agents andChemotherapy (ICAAC), un meeting sulle malattie infettivedell'American Society for Microbiology (ASM), potrebbe essereuna nuova strategia per il trattamento delle infezioniresistenti. Il focus di questa molecola e' NDM-1 (Nuova DelhiMetallo-beta-lattamasi), un gene che hanno alcuni batteri e chepermette loro di produrre un enzima chiamato carbapenemasi."NDM-1 conferisce resistenza batterica a tutte le classi

(AGI) - Washington, 9 set. - Un gruppo di ricercatori dellaOregon State University ha sintetizzato una molecola in gradodi silenziare il gene responsabile di una grave resistenza agliantibiotici di alcuni batteri. Lo studio, presentatoall'Interscience Conference on Antimicrobial Agents andChemotherapy (ICAAC), un meeting sulle malattie infettivedell'American Society for Microbiology (ASM), potrebbe essereuna nuova strategia per il trattamento delle infezioniresistenti. Il focus di questa molecola e' NDM-1 (Nuova DelhiMetallo-beta-lattamasi), un gene che hanno alcuni batteri e chepermette loro di produrre un enzima chiamato carbapenemasi."NDM-1 conferisce resistenza batterica a tutte le classi diantibiotici beta-lattamici (tipo penicillina), compresi icarbapenemi, potenti antibiotici utilizzati quando gli altrifalliscono", ha detto Bruce Geller, autore dello studio. "NDM-1si diffonde - ha continuato - in molti batteri patogeni, tracui E. coli, Acinetobacter baumannii e Klebsiella pneumoniae.Molti di questi agenti patogeni sono resistenti a diversiantibiotici, il che limita le opzioni di trattamento". Lamolecola conosciuta come peptide coniugato phosphorodiamidatemorfolino oligomero (PPMO) e' un analogo sintetico di DNA o diRNA che ha la capacita' di mettere a tacere l'espressione digeni specifici. In questo studio i ricercatori hannoprogettato, sintetizzato e testato un PPMO che e' favorevoleall'NDM-1 gene, permettendogli di legarsi specificamenteall'NDM-1 mRNA, silenziando essenzialmente il gene. "Quandol'NDM-1 PPMO e' stato aggiunto a colture di E. coli, A.baumannii o K. pneumoniae multiresistenti, che esprimono NDM-1,e' stata ripristinata la suscettibilita' ai carbapenemi inconcentrazioni terapeuticamente rilevanti", ha detto Geller.(AGI).