Schizofrenia: da scoperta di 100 geni una speranza per nuova cura

(AGI) - Londra, 22 lug. - Scoperti circa 100 geni legati allosviluppo della schizofrenia, una malattia mentale debilitanteche colpisce circa una persona su 100. Lo studio, coordinatodall'Universita' di Cardiff (Regno Unito) e pubblicato sullarivista Nature, potrebbe portare a una cura della schizofreniadopo 60 anni di assenza di nuovi trattamenti farmacologici. Perfar luce sulle cause genetiche della malattia i ricercatoribritannici si sono avvalsi dell'aiuto di oltre 300 scienziatiprovenienti da 35 Paesi diversi. Analizzando l'insieme di tuttii dati genetici disponibili dei pazienti affetti daschizofrenia e confrontandoli con quelli di persone sane, i

Schizofrenia: da scoperta di 100 geni una speranza per nuova cura
(AGI) - Londra, 22 lug. - Scoperti circa 100 geni legati allosviluppo della schizofrenia, una malattia mentale debilitanteche colpisce circa una persona su 100. Lo studio, coordinatodall'Universita' di Cardiff (Regno Unito) e pubblicato sullarivista Nature, potrebbe portare a una cura della schizofreniadopo 60 anni di assenza di nuovi trattamenti farmacologici. Perfar luce sulle cause genetiche della malattia i ricercatoribritannici si sono avvalsi dell'aiuto di oltre 300 scienziatiprovenienti da 35 Paesi diversi. Analizzando l'insieme di tuttii dati genetici disponibili dei pazienti affetti daschizofrenia e confrontandoli con quelli di persone sane, iricercatori hanno identificato 108 tratti del Dna legati allacondizione. Alcuni geni sono coinvolti nel cervello. Ma, piu'sorprendentemente, alcuni sono particolarmente attivi nelsistema immunitario. "Siamo stati in grado di rivelare fattoridi rischio genetici su grande scala e senza precedenti,gettando nuova luce sulla causa biologica della condizione", hadetto Michael O'Donovan, uno degli autori dello studio. "Ora lasfida principale e' di tradurre queste intuizioni in nuovistrumenti diagnostici e in nuovi trattamenti per i pazienti,ponendo fine a 60 anni di attesa di nuovi trattamenti per chisoffre in tutto il mondo", ha concluso. .