Ricerca: botulino iniettato in cute fa ringiovanire pelle

(AGI) - Roma, 1 lug. - Il botulino ringiovanisce la pelle. Unrecente studio apre una nuova prospettiva sull'utilizzo dellatossina botulinica di tipo A: "Se iniettata direttamente nellacute - e non quindi nei muscoli - stimolerebbe la produzione dicollagene, portando ad un complessivo ringiovanimento dellapelle. Si tratta di un effetto antiaging potenzialmentesuperiore a quello delle tecniche di medicina esteticaconosciute e gia' in uso", ha detto Maurizio Benci, consiglieree socio fondatore dell'Associazione italiana Terapia EsteticaBotulino (Aiteb). "Questo e' il primo studio clinico - haproseguito - sull'uso intracutaneo della tossina botulinica checonferma

(AGI) - Roma, 1 lug. - Il botulino ringiovanisce la pelle. Unrecente studio apre una nuova prospettiva sull'utilizzo dellatossina botulinica di tipo A: "Se iniettata direttamente nellacute - e non quindi nei muscoli - stimolerebbe la produzione dicollagene, portando ad un complessivo ringiovanimento dellapelle. Si tratta di un effetto antiaging potenzialmentesuperiore a quello delle tecniche di medicina esteticaconosciute e gia' in uso", ha detto Maurizio Benci, consiglieree socio fondatore dell'Associazione italiana Terapia EsteticaBotulino (Aiteb). "Questo e' il primo studio clinico - haproseguito - sull'uso intracutaneo della tossina botulinica checonferma quanto era gia' stato rilevato in alcune ricerche invitro. Ovvero: gli effetti positivi della tossina botulinicasui fibroblasti cutanei, in termini di rigenerazione cellularee produzione di collagene, quindi di ringiovanimento. Andrannofatti ulteriori approfondimenti, ma si tratta di unarivoluzione che apre molti altri ambiti di applicazione delbotulino in medicina". Lo studio, condotto da due medicicanadesi e pubblicato recentemente sul Jama Facial PlasticSurgery dell'American Medical Association, ha preso inconsiderazione un campione di 43 donne con un'eta' media dicirca 52 anni che non si erano mai prima di allora sottoposte aun trattamento con botulino e che presentavano delle leggererughe nella zona perioculare. Le donne sono quindi statetrattate con la tossina botulinica per via intracutanea: laloro condizione e' stata valutata per un periodo di quattromesi per quanto riguarda gli effetti sulla cute. Per tutto ilperiodo i medici hanno valutato con sofisticate apparecchiaturel'elasticita' e la resistenza della pelle arrivando allaconclusione che tutti i pazienti presentavano un sensibilemiglioramento dei valori. Queste variazioni sono state ritenutenon conducibili all'infiammazione dettata dalla semplicepuntura, ma agli effetti della tossina. "Questo studio fornisceprove che la tossina botulinica migliora le proprieta'biomeccaniche della pelle stimolando la formazione di collagenee riattivando cosi' un processo di ringiovanimento", haaggiunto Benci.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it