Privazione sonno cancella ricordi traumatici

(AGI) - Londra, 1 lug. - Per cancellare un trauma non serve anulla dormirci su. Per fermare i flashback inquietanti, icosiddetti "ricordi intrusivi, la miglior strategia e' infattirimanere svegli. Uno studio dell'Universita' di Oxford hascoperto che un periodo di privazione di sonno puo' aiutare acontrastate i ricordi di un evento traumatico. Per arrivare aqueste conclusioni, pubblicate sulla rivista Sleep, iricercatori hanno chiesto a un gruppo di persone di vedere unfilm contenente scene emotivamente traumatiche. Ad alcunisoggetti e' stato permesso di tornare a casa a dormire, altriinvece sono stati costretti a

(AGI) - Londra, 1 lug. - Per cancellare un trauma non serve anulla dormirci su. Per fermare i flashback inquietanti, icosiddetti "ricordi intrusivi, la miglior strategia e' infattirimanere svegli. Uno studio dell'Universita' di Oxford hascoperto che un periodo di privazione di sonno puo' aiutare acontrastate i ricordi di un evento traumatico. Per arrivare aqueste conclusioni, pubblicate sulla rivista Sleep, iricercatori hanno chiesto a un gruppo di persone di vedere unfilm contenente scene emotivamente traumatiche. Ad alcunisoggetti e' stato permesso di tornare a casa a dormire, altriinvece sono stati costretti a rimanere svegli. "Il gruppo cheha sperimentato la privazione di sonno ha avuto esperienza diun minor numero di ricordi intrusivi rispetto ai soggetti chehanno dormito", ha spiegato Katharina Wulff, una delle autricidello studio. "Sappiamo che il sonno migliora le prestazionidella memoria, inclusa quella emotiva, ma possono esserci casiin cui ricordare e' inutile", ha aggiunto. Alla base delleconclusioni degli studiosi ci sarebbe una teoria logica: se ilsonno aiuta a conservare i nostri ricordi, la privazione disonno potrebbe "cancellare" quelli traumatici. Tuttavia, comehanno specificato gli studiosi, occorrono ulteriori studi percomprendete meglio il legame tra la privazione di sonno e iflashback traumatici.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it