Piu' rischio autismo bimbi concepiti con riproduzione assistita

AGI) - Washington, 24 mar. - I bambini concepiti con tecnichedi riproduzione assistita - dalla fecondazione in vitroall'inseminazione artificiale, fino alla maternita' surrogata -hanno il doppio delle probabilita' di sviluppare l'autismo,rispetto ai bambini concepiti naturalmente. Queste, in estremasintesi, le conclusioni di uno studio della Columbia Universitydi New York, pubblicato sull'American Journal of Public Health.Il piu' elevato rischio d'autismo non sarebbe pero' dacollegare al tipo di trattamento o al trattamento in se', ma adaltri fattori come ad esempio le nascite multiple. Inoltre,dopo aver tenuto conto di fattori come la nascite multiple

AGI) - Washington, 24 mar. - I bambini concepiti con tecnichedi riproduzione assistita - dalla fecondazione in vitroall'inseminazione artificiale, fino alla maternita' surrogata -hanno il doppio delle probabilita' di sviluppare l'autismo,rispetto ai bambini concepiti naturalmente. Queste, in estremasintesi, le conclusioni di uno studio della Columbia Universitydi New York, pubblicato sull'American Journal of Public Health.Il piu' elevato rischio d'autismo non sarebbe pero' dacollegare al tipo di trattamento o al trattamento in se', ma adaltri fattori come ad esempio le nascite multiple. Inoltre,dopo aver tenuto conto di fattori come la nascite multiple el'istruzione delle mamme, i ricercatori hanno osservato unaumento del rischio solo nelle madri con meno di 35 annid'eta'. E hanno trovato che non c'e' alcun rischiosupplementare per le donne che hanno messo alla luce unbambino. Questo, secondo i ricercatori, significa che lafecondazione assistita che prevede il trasferimento di unsingolo ovulo, piuttosto che piu' ovuli, abbassa leprobabilita' che un bambino sviluppi l'autismo. Lo studio hacoinvolto quasi sei milioni di bambini nati dal 1997 al 2007.In particolare i ricercatori si sono concentrati su 5,9 milionidi nascite in California, tra cui 48.865 bambini nati con lafecondazione assistita. Di tutto il campione 32.922 hannosviluppato l'autismo. Confrontando l'incidenza della patologia,i ricercatori hanno scoperto che i bambini concepiti con letecniche di fecondazione assistita sono piu' a rischio autismo.Tuttavia, gli studiosi hanno precisato che i risultati dellostudio non rappresentano una condanna per la procreazioneassistita, in quanto non hanno dimostrato un nesso dicausa-effetto. Ma gli studiosi hanno messo in luce un legametra l'autismo e il trasferimento di piu' ovociti. "Sapere chesi puo' ridurre largamente il rischio di autismo limitando laprocedura di trasferimento a un singolo ovulo, e' importanteper le donne che possono poi prendere decisioni piu'consapevoli". (AGI)