Piangere di gioia e' una prerogativa maschile

(AGI) - Londra, 22 giu. - Le donne hanno la fama di essere piu'"piagnucolose" degli uomini. Ma se e' vero che il gentil sessoha fino a quattro volte piu' probabilita' di versare lacrime acausa di eventi sconvolgenti, in realta' gli uomini sono piu'propensi a piangere di gioia. A dirlo e' uno dei piu' notistudiosi di "lacrime", Ad Vingerhoets della Tilburg University(Paesi Bassi). Le sue parole sono state riprese da molti mediabritannici, dopo che il sindaco di Londra Boris Johnson lo hacitato in difesa del Nobel Sir Tim Hunt. Il Nobel ha sollevato

(AGI) - Londra, 22 giu. - Le donne hanno la fama di essere piu'"piagnucolose" degli uomini. Ma se e' vero che il gentil sessoha fino a quattro volte piu' probabilita' di versare lacrime acausa di eventi sconvolgenti, in realta' gli uomini sono piu'propensi a piangere di gioia. A dirlo e' uno dei piu' notistudiosi di "lacrime", Ad Vingerhoets della Tilburg University(Paesi Bassi). Le sue parole sono state riprese da molti mediabritannici, dopo che il sindaco di Londra Boris Johnson lo hacitato in difesa del Nobel Sir Tim Hunt. Il Nobel ha sollevatoun polverone di polemiche, dopo aver dichiarato che inlaboratorio "il problema con le ragazze" e' che "quando sicriticano, cominciano a piangere". Il sindaco di Londra hadifeso Sir Tim Hunt, dichiarando che indicare una "differenzadi genere" non dovrebbe essere un reato e che gli studi diVingerhoets ne sarebbero la prova. Lo scienziato olandeseritiene che la tendenza a piangere di gioia appartenga piu'agli uomini. Sarebbero infatti loro a far scorrere piu' lacrimequando ad esempio la squadra del cuore vince una partitaimportante. "In generale, gli uomini e le donne - ha spiegatoal Daily Mail - piangono per le stesse cose importanti, come lamorte di una persona amata, la rottura di una relazioneromantica e la nostalgia di casa. Tuttavia, le donne tendono apiangere per cose piu' banali come conflitti, critiche e ilguasto di un computer. Sorprendentemente, gli uomini tendono apiangere piu' spesso in risposta ad eventi positivi". In unostudio che ha coinvolto 5mila persone, Vingerhoets ha scopertoche le donne sono piu' propense a piangere quando si sentonoimpotenti, mentre gli uomini nei momenti di vittoria, disuccesso o di realizzazione. .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it