Neonati piu' sensibili al dolore rispetto ad adulti

(AGI) - Londra, 21 apr. - I bambini piccoli non solo "sentono"il dolore, ma sono anche piu' sensibili ad esso rispetto agliadulti. A dimostrarlo e' stato un gruppo di ricercatori dellaOxford University in uno studio pubblicato sulla rivista eLife.I risultati confutano una delle ipotesi comuni, secondo ilquale il cervello dei neonati non e' abbastanza sviluppato persentire il dolore; e suggeriscono che, durante procedureinvasive, il non utilizzo di antidolorifici non sarebbe lascelta piu' giusta per il piccolo. Per arrivare a questeconclusioni i ricercatori hanno effettuato scansioni cerebralisul cervello di 10 neonati

(AGI) - Londra, 21 apr. - I bambini piccoli non solo "sentono"il dolore, ma sono anche piu' sensibili ad esso rispetto agliadulti. A dimostrarlo e' stato un gruppo di ricercatori dellaOxford University in uno studio pubblicato sulla rivista eLife.I risultati confutano una delle ipotesi comuni, secondo ilquale il cervello dei neonati non e' abbastanza sviluppato persentire il dolore; e suggeriscono che, durante procedureinvasive, il non utilizzo di antidolorifici non sarebbe lascelta piu' giusta per il piccolo. Per arrivare a questeconclusioni i ricercatori hanno effettuato scansioni cerebralisul cervello di 10 neonati dai 23 ai 36 mesi di vita, rivelandoche le risposte al dolore lieve sono piu' o meno uguali aquelle degli adulti. In particolare, gli studiosi hannoscoperto che 18 delle 20 aree cerebrali associate al dolorenell'adulto vengono "illuminate" anche nei bambini quandosentono dolore. Non solo. Sembrerebbe che uno stimolo lieve perprovocare dolore basta a far provare a un neonato la stessasensazione di un dolore 4 volte piu' intenso negli adulti."Ovviamente i bambini - ha spiegato Rebeccah Slate, una delleautrici dello studio - non possono riferirci la loro esperienzacon il dolore ed e' difficile dedurlo da osservazioni visuali.In realta', alcune persone hanno sostenuto che i cervelli deineonati non sono sviluppati a sufficienza per sentire veramenteil dolore e qualsiasi reazione e' solo un riflesso. Il nostrostudio fornisce la prima prova davvero forte che non e' cosi'". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it