Nascere in estate aumenta probabilita' di godere di buona salute

(AGI) - Londra, 13 ott. - Chi ha in programma di mettere almondo un bambino e' questo il momento migliore per concepirloperche' i bambini che nascono in estate hanno piu' probabilita'di godere di buona salute, rispetto a quelli che nascono inaltri periodi dell'anno. A scoprirlo e' stato un gruppo diricercatori della Cambridge University, in uno studiopubblicato sulla rivista Heliyon. In particolare, analizzandoquasi mezzo milione di adulti britannici, i ricercatori hannoscoperto che i bambini nati a giugno, luglio e agosto sono piu'pesanti alla nascita e piu' alti da adulti. Non solo. Per

(AGI) - Londra, 13 ott. - Chi ha in programma di mettere almondo un bambino e' questo il momento migliore per concepirloperche' i bambini che nascono in estate hanno piu' probabilita'di godere di buona salute, rispetto a quelli che nascono inaltri periodi dell'anno. A scoprirlo e' stato un gruppo diricercatori della Cambridge University, in uno studiopubblicato sulla rivista Heliyon. In particolare, analizzandoquasi mezzo milione di adulti britannici, i ricercatori hannoscoperto che i bambini nati a giugno, luglio e agosto sono piu'pesanti alla nascita e piu' alti da adulti. Non solo. Per laprima volta e' stato anche rilevato che le ragazze nate inestate iniziano piu' tardi la puberta', un indicatore di unamigliore salute da adulte. La puberta precoce, infatti, e'legata a un piu' alto rischio di diabete, malattie cardiache ecancro al seno. Secondo i ricercatori, le donne incintesarebbero esposte maggiormente al sole e, quindi, possonotrasmettere piu' quantita' elevate di vitamina D al bambino chehanno nel pancione. "I nostri risultati mostrano che il mese dinascita ha un effetto misurabile sullo sviluppo e la salute, masono necessari ulteriori studi per comprende i meccanismi allabase di questo effetto", ha spiegato John Perry, autore dellostudio. "Pensiamo che l'esposizione alla vitamina D - haaggiunto - sia importante e speriamo che i nostri risultatiincoraggino altre ricerche sugli effetti a lungo terminedell'esposizione precoce alla vitamina D". Inoltre, studiprecedenti hanno gia' suggerito che i bambini nati in invernosono piu' suscettibili alle allergie alimentari e piu' propensia soffrire d'asma.