Maratona di lettura del 'Novel of the World' in occasione delle Women's Weeks

4 luglio

Sabato 4 luglio in occasione delle Women's Weeks alle ore 21.00 all'Expo Centre di Expo Milano 2015 Simonetta Agnello Hornby, Lilia Bicec, Anilda Ibrahimi, Dacia Maraini, Anita Nair, Sonya Orfalian, Ayana Sambuu, Clara Sanchez e Ribka Sibhatu, scrittrici del Novel of the World, si alterneranno in una maratona di lettura e leggeranno in lingua originale il racconto scritto per il Novel. Insieme a loro, sul palco, attrici e cantanti presteranno la loro voce al racconto che piu' hanno amato.

Ogni storia parla di nutrimento, per il corpo o per la mente. Dal teatro della tavola di Anita Nair al duro ricordo d'infanzia di Dacia Maraini. Dalla tortilla del venerdi' di Clara Sanchez al racconto di Sonya Orfalian, figlia della diaspora armena nata in Libia, a quello dell'eritrea Ribka Sibhatu. E ogni storia porta in un Paese e in una lingua diversi. Nella Sicilia di Simonetta Agnello Hornby, nell'Albania di Anilda Ibrahimi, nella Mongolia di Ayana Sambuu, nella Moldavia di Lilia Bicec.

La serata e' realizzata in collaborazione con il Circolo dei lettori di Torino e IO donna, la regia e' di Roberta Lena. Lo spettacolo e' aperto a tutti i visitatori di Expo Milano 2015 fino ad esaurimento posti. Dalle ore 19.00 il costo del biglietto d'ingresso a Expo Milano 2015 e' di 5 euro.

The Novel of the World: 104 scrittrici da 100 Paesi in 28 lingue per WE-Women for Expo
Novel of the World e' il grande romanzo del mondo pensato da WE-Women for Expo per Expo Milano 2015 e pubblicato dalla Fondazione Arnoldo e Alberto Mondadori.  104 scrittrici provenienti da 100 Paesi hanno scritto un racconto che parla di nutrimento, di memoria e di radici. Le voci delle autrici danno vita a un'opera corale scritta in 28 lingue diverse e tradotta in inglese, un mappamondo di suoni e caratteri che racconta, pagina dopo pagina, la vita delle donne di tutto il mondo.

Novel of the World e' scaricabile gratuitamente in formato digitale



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it