La Serbia ospita Goran Bregovic nel Cluster Bio-Mediterraneo

22 giugno

La Serbia ospita Goran Bregovic nel Cluster Bio-Mediterraneo. "La mia musica nasce dalla frontiera balcanica, una terra misteriosa dove si incrociano tre culture: ortodossa, cattolica e musulmana"

Continuano i grandi live musicali di Expo Milano 2015. Lunedi' 22 giugno alle 20.00 il Cluster Bio-Mediterraneo ospita Goran Bregovic, il musicista che piu' di ogni altro ha contribuito a diffondere il sound balcanico in tutto il mondo. L'occasione e' la giornata nazionale dedicata alla Serbia che lunedi' da' vita a un programma di incontri, musica e degustazioni gastronomiche.

Goran Bregovic, il folk balcanico adatto a matrimoni, funerali e... Esposizioni Universali

La musica di Bregovic ha un sound contagioso, e' difficile rimanere seduti a uno dei suoi concerti, impossibile tenere ferme le gambe ascoltando il ritmo cadenzato e frenetico delle percussioni, dei violini e degli ottoni che mescola sonorita' jazz, tango e folk e concilia la musica della frontiera balcanica, con tutte le sue influenze e suggestioni. Una musica che affonda le sue radici nella tradizione ma guarda verso la modernita', accettando inclusioni pop ed elettroniche. "La mia musica?" dice Bregovic, "e' una miscela, nasce dalla frontiera balcanica, una terra misteriosa dove si incrociano tre culture: ortodossa, cattolica e musulmana", un sound adatto a matrimoni e funerali, come il nome della sua band, la Wedding and Funeral Orchestra.

Tra i compositori contemporanei piu' noti in Europa, nato a Sarajevo da padre croato e madre serba, la sua notorieta' fuori dai confini nazionali ha origine soprattutto quando inizia la collaborazione con Emir Kusturica, negli anni Ottanta. Al 1995 risale "Underground", Palma d'Oro a Cannes: da allora le melodie orecchiabili di "Ringe ringe raja" e "Kalasnjikov" entrano nelle orecchie di tutti e rendono familiare il suono del folk balcanico.

La musica live a Expo Milano 2015

Expo Milano 2015 e' anche un enorme palcoscenico sul quale artisti di tutto il mondo fanno conoscere la musica del proprio Paese. Dal pianista Guy Manoukian al jazzista Francesco Cafiso, che si sono esibiti sempre nel Cluster Bio-Mediterraneo, dalla cantante scozzese (ma adottata dalla Toscana) Emma Morton (come dimenticare il suo live dalla terrazza del Padiglione del Regno Unito?) agli italiani Tiromancino, che hanno suonato in occasione della Giornata dell'Ambiente. E poi ancora Enrico Rava e Antonio Farao', ma anche i Piano Twelve, nei tre show presentati da Intesa Sanpaolo, e tanti altri. Anche Radio2 contribuisce ad arricchire il panorama musicale di Expo Milano 2015 attraverso i Live Event, appuntamenti fissi con alcune delle trasmissioni radiofoniche piu' seguite che periodicamente trasmettono dal Conference Centre con conduttori e ospiti eccezionali. Il Cluster Bio-Mediterrano, inoltre, offre tutte le sere, dalle 19.30 alle 21.00, il dj set di Radio2 in compagnia di Elisa Bee, Gianluca Quagliaro, Lele Sacchi, Carlo Pastore e Matteo Bordone.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it