Ipertensione: risposta autoimmune a infiammazione la provoca

(AGI) - Washington, 18 set. - La risposta autoimmune del corpocontro un'eventuale infiammazione potrebbe provocarel'ipertensione. E' questo secondo uno studio della VanderbiltUniversity (Usa) il motivo per cui i meccanismi infiammatorisono associati a un piu' elevato rischio di soffrire dipressione alta. Tramite l'utilizzo di modelli murini, iricercatori hanno dimostrato che i composti che stimolanol'ipertensione sono responsabili della produzione difettosa diproteine modificate nelle cellule dendritiche. Queste proteinemodificate, chiamate "isochetali", sono presentate comeantigeni da parte delle cellule dendritiche, inducendo unarisposta immunitaria alle proteine del proprio corpo. Lasomministrazione di composti che eliminano

(AGI) - Washington, 18 set. - La risposta autoimmune del corpocontro un'eventuale infiammazione potrebbe provocarel'ipertensione. E' questo secondo uno studio della VanderbiltUniversity (Usa) il motivo per cui i meccanismi infiammatorisono associati a un piu' elevato rischio di soffrire dipressione alta. Tramite l'utilizzo di modelli murini, iricercatori hanno dimostrato che i composti che stimolanol'ipertensione sono responsabili della produzione difettosa diproteine modificate nelle cellule dendritiche. Queste proteinemodificate, chiamate "isochetali", sono presentate comeantigeni da parte delle cellule dendritiche, inducendo unarisposta immunitaria alle proteine del proprio corpo. Lasomministrazione di composti che eliminano le isochetali haridotto la pressione arteriosa nei modelli murini diipertensione. Inoltre questo studio, pubblicato sul 'Journal ofClinical Investigation', supporta l'idea che l'ipertensione e'una malattia autoimmune e suggerisce che la riduzione di questarisposta puo' essere una strategia per trattare l'ipertensione.(AGI).