GERMANIA: MERKEL BOCCIA FRANCOBOLLO PER 80 ANNI DI KOHL

GERMANIA: MERKEL BOCCIA FRANCOBOLLO PER 80 ANNI DI KOHL

Angela Merkel ignora cosa sia la riconoscenza. Dopo aver negato a Helmuth Kohl, padre della Germania riunificata e suo mentore, l'aereo di Stato per partecipare alla cerimonia dei 20 anni della caduta del Muro di Berlino, il cancelliere tedesco ha bocciato l'idea di emettere un francobollo per gli 80 anni del suo predecessore. Un onore tributato non solo a Benedetto XVI ma anche all'orsetto berlinese Knutt. Il deputato della Csu bavarese, Ernst Hinsken, aveva avanzato la proposta proponendo l'emissione filatelica in coincidenza dell'80esimo genetliaco di Kohl, il 3 aprile 2010. Lo scrive nell'edizione di domani la "Sueddeutsche Zeitung". Il giornale di Monaco di Baviera spiega che la Merkel, "che deve alla riunificazione l'opportunita' di essere diventata cancelliere, ma che lungo questa strada ha preso le distanze anche da Helmut Kohl, questa Angela Merkel avrebbe detto di no. La cosa ha un po' il sapore della mancanza di cuore e dell'ingratitudine". Nel ripercorrere la vicenda, la "SZ" spiega che il primo a negare l'onore di un francobollo al cancelliere della riunificazione era stato nel giugno scorso l'ex ministro socialdemocratico delle Finanze, Peer Steinbrueck, motivando la sua decisione con il fatto che la proposta di Hinsken era arrivata troppo tardi. Il deputato bavarese al Bundestag ha allora fatto un secondo tentativo con l'attuale responsabile delle Finanze, Wolfgang Schaeuble (Cdu), considerato per anni il delfino di Kohl nell'ultimo periodo del suo cancellierato, terminato nel 1998 a seguito della sconfitta elettorale subita ad opera di Gerhard Schroeder. La "Sueddeutschea" scrive che Schaeuble si sarebbe abilmente defilato, "consigliando a Hinsken di rivolgersi direttamente al cancellierea". Il portavoce governativo Ulrich Wilhelm ha contestato la tesi che la mancata decisione di emettere un francobollo commemorativo per gli 80 anni di Kohl sia dipesa da un atto ostile della Cancelleria. Wilhelm ha spiegato nei dettagli la procedura da seguire in questi casi, secondo la quale il ministero delle Finanze, che emette i francobolli speciali commemorativi, nella scelta dei motivi viene affiancato da una commissione di 13 membri. Secondo il portavoce governativo, il fatto che la commissione non ha potuto esaminare la candidatura di Kohl per il nuovo francobollo, a causa della ritardata presentazione della proposta, ha indotto la Cancelleria a rinunciare a favorire un'eccezione.

Dicembre 2009



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it