GB: MISSIONE "VERDE" PER CARLO, MA IL JET E' SUPER-INQUINANTE

GB: MISSIONE "VERDE" PER CARLO, MA IL JET E' SUPER-INQUINANTE

La missione ambientalista in Sud America del principe Carlo e della moglie Camilla rischia di trasformarsi in un disastro ecologico. Altro che viaggio ispirato dalla lotta al surriscaldamento climatico: il principe utilizzera' un lussuoso jet privato per portare con se' moglie ed  entourage (14 persone) tra Cile, Brasile ed Ecuador (con una puntata alle Galapagos per il 200esimo anniversario della nascita di Charles Darwin). Ma niente voli di linea, perche' in  quel caso - si giustificano i collaboratori -avrebbe dovuto fare quasi 40 cambi d'aereo. Ecco allora il charter super-lusso ma anche super-inquinante. Secondo il 'Daily Mail', l'erede al trono britannico e' "il principe dell'ipocrisia". Perche' non e' la prima volta che Carlo viene colto in flagrante. Nel 2007 e' andato negli Usa per raccogliere un premio alla tutela ambientale: peccato che abbia viaggiato in prima classe, portandosi dietro un mini-esercito di 20 persone. E non e' tutto: perche' Carlo continua a usare auto inquinanti nonostante abbia una Aston Martin alimentata a bio-combustibile derivato dal vino. E l'anno scorso, in undici giorni di crociera tra le isole anglofone del Mar dei Caraibi (crociera voluta per "rafforzare i legami  tra Gran Bretagna e Paesi del Commonwealth"), lo yacht 'Leander' (completo di Jacuzzi, palestra e sauna) risulto' piu' dannoso per l'ambiente di quanto avrebbe potuto fare un passeggero che avesse volato 280 volte tra Londra e New York.  Adesso il nuovo 'exploit'. L'aereo charter e' un Airbus A319, che puo' trasportare 134 passeggeri, ma per l'occasione avra' fatto una cura dimagrante: solo 29 posti. Il rimanente spazio sara' a disposizione degli illustri ospiti: una esclusiva 'Vip  lounge' con tanto di 'master suite', bagno personale e doccia; in piu' telefono satellitare, stampante fax e lussuosi sedili in pelle con lettori DVD personali. Il costo sara' chiaro quando a fine anno il principe presentera' la denuncia dei redditi, ma si parla di 300.000 sterline. E ancora piu' pesante sara' l'impatto ambientale. Secondo il Carbon Managers, un gruppo di lavoro che fa gestione di emissioni ambientali, l'odissea sud-americana del jet (16.400 miglia, oltre 26.000 chilometri) immettera'  nell'atmosfera 322 tonnellate di CO2.

Febbraio 2009