Cortisolo e stress causano ritardi cognitivi nei bambini

(AGI) - Washington, 17 giu. - Sono i livelli di cortisolo nelsangue a determinare i ritardi di apprendimento e di sviluppocognitivo dei bambini poveri. Lo hanno scoperto alcuniricercatori dell'Università di Rochester che hanno pubblicato irisultati delle loro ricerche sulla rivista Child Development.Che i bambini provenienti dalle fasce piu' deboli della societàavessero problemi di apprendimento e sviluppo cognitivo, era unfattore già noto. Nessuno conosceva pero' quale fosse, dalpunto d vista biologico il meccanismo che determinasse questaforma di gap sociale e cognitivo. I ricercatori guidati daJennifer H. Suor hanno monitorato un gruppo

(AGI) - Washington, 17 giu. - Sono i livelli di cortisolo nelsangue a determinare i ritardi di apprendimento e di sviluppocognitivo dei bambini poveri. Lo hanno scoperto alcuniricercatori dell'Università di Rochester che hanno pubblicato irisultati delle loro ricerche sulla rivista Child Development.Che i bambini provenienti dalle fasce piu' deboli della societàavessero problemi di apprendimento e sviluppo cognitivo, era unfattore già noto. Nessuno conosceva pero' quale fosse, dalpunto d vista biologico il meccanismo che determinasse questaforma di gap sociale e cognitivo. I ricercatori guidati daJennifer H. Suor hanno monitorato un gruppo di 201 famigliemonogenitoriali con figli di due anni di età e li hanno seguitifino al compimento del quarto anno. In questo periodo,attraverso campionamenti della saliva, i ricercatori hannomisurato i livelli di cortisolo dei bambini. Inoltre hannoseguito, attraverso specifiche interviste anche l'esposizionedei bambini a forme di stress, come per esempio la violenzadomestica. ''Nel complesso, abbiamo trovato tre profili dicortisolo tra i bambini, che sono stati classificati comeelevati, moderata e bassa,' spiega Suor. 'Abbiamo scoperto chei livelli di cortisolo dei bambini sono rimasti relativamentestabili nei tre anni. E abbiamo scoperto che l'esposizione aspecifiche forme di avversità famigliari quando i bambini hannodue anni determina a sua volta i ritardi cognitivi a quattroanni di età''. Dallo studio è emerso che circa il 30 per centodei bambini osservati ha mantenuto livelli di cortisolorelativamente più elevati nel corso dei tre anni, il 40 percento dei bambini ha mantenuto livelli di cortisolo più bassi,mentre il resto ha avuto livelli moderati. I bambini conentrambi i livelli superiori e inferiori avevano sperimentatoinstabilità familiare. Inoltre, i bambini con il modello dicortisolo più alto avevano sperimentato interazioni più severee più insensibili con gli operatori sanitari (ad esempio lemadri che hanno avuto difficoltà a essere in sintonia con leesigenze dei loro figli). Lo studio ha anche scoperto che ibambini con i profili di cortisolo relativamente più elevati epiù bassi avevano livelli significativamente più bassi difunzionamento cognitivo all'età di quattro anni. I bambini conun profilo di cortisolo moderato sono stati esposti a livellirelativamente minori di avversità famigliari all'età di dueanni e ha avuto il più alto capacità cognitive all'età diquattro anni. (AGI)

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it