Contro le multinazionali la protesta della contadina che sviene sul palco a Expo