Con 10 grammi noci al giorno meno rischio morte prematura

(AGI) - Londra, 11 giu. - Mangiare almeno 10 grammi di noci oarachidi al giorno riduce il rischio di morire per malattierespiratorie, come l'asma e l'enfisema, e per malattieneurodegenerative, tra cui la demenza. Non solo. Le nociridurrebbero, sia negli uomini che nelle donne, il rischio disviluppare il diabete, il cancro e le malattie cardiovascolari,tra cui infarto e ictus. Nessun effetto benefico e' statoassociato al burro di arachidi, probabilmente perche' gli altriingredienti annullano la protezione. Almeno questo e' quantoemerso da uno studio della Maastricht University (Paesi Bassi),pubblicato sull'International Journal of Epidemiology.

(AGI) - Londra, 11 giu. - Mangiare almeno 10 grammi di noci oarachidi al giorno riduce il rischio di morire per malattierespiratorie, come l'asma e l'enfisema, e per malattieneurodegenerative, tra cui la demenza. Non solo. Le nociridurrebbero, sia negli uomini che nelle donne, il rischio disviluppare il diabete, il cancro e le malattie cardiovascolari,tra cui infarto e ictus. Nessun effetto benefico e' statoassociato al burro di arachidi, probabilmente perche' gli altriingredienti annullano la protezione. Almeno questo e' quantoemerso da uno studio della Maastricht University (Paesi Bassi),pubblicato sull'International Journal of Epidemiology. Perarrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno analizzato idati provenienti dal Netherlands Cohort Study, attivo dal 1986,che ha coinvolto oltre 120mila uomini e donne di eta' compresatra i 55 e i 69 anni. Da una valutazione su quanto spesso ipartecipanti mangiavano arachidi, noci, altra frutta secca eburro di arachidi, e' emerso che noci e arachidi hanno uneffetto protettivo contro molte malattie. "E' statostraordinario osservare che il consumo in media di 15 grammi dinoci o arachidi al giorno e' legato a una mortalita'sostanzialmente inferiore", ha detto Piet van den Brandt,autore dello studio. "Una maggiore assunzione non e' stataassociata con un'ulteriore riduzione del rischio", ha aggiunto.Secondo i ricercatori le noci e le arachidi conterrebberocomposti come acidi monoinsaturi e grassi polinsaturi, nonche'varie vitamine, fibre, antiossidanti e altre sostanze ancora,che potrebbero contribuire a ridurre i tassi di mortalita'.(AGI)