Cervello: scoperto meccanismo responsabile abbuffate dolci

(AGI) - Washington, 9 dic. - Dietro il desiderio di mangiaremolti dolci potrebbe celarsi un particolare meccanismo delcervello che stimola la ricerca di piu' glucosio. Si tratta diuna sostanza presente nei carboidrati che rappresenta la fonteprincipale di energia utilizzata dalle cellule cerebrali.Queste le conclusione di uno studio del Biotechnology andBiological Sciences Research Council (Regno Unito), pubblicatosul Journal of Clinical Investigation. Per arrivare a questirisultati i ricercatori hanno condotto una serie di esperimentisui topi. Il meccanismo cerebrale individuato sarebberesponsabile della percezione della quantita' di glucosio espinge gli animali a consumane

(AGI) - Washington, 9 dic. - Dietro il desiderio di mangiaremolti dolci potrebbe celarsi un particolare meccanismo delcervello che stimola la ricerca di piu' glucosio. Si tratta diuna sostanza presente nei carboidrati che rappresenta la fonteprincipale di energia utilizzata dalle cellule cerebrali.Queste le conclusione di uno studio del Biotechnology andBiological Sciences Research Council (Regno Unito), pubblicatosul Journal of Clinical Investigation. Per arrivare a questirisultati i ricercatori hanno condotto una serie di esperimentisui topi. Il meccanismo cerebrale individuato sarebberesponsabile della percezione della quantita' di glucosio espinge gli animali a consumane di piu' se rileva un calo. Iricercatori credono che possa avere un ruolo nel desiderio diconsumare piu' dolci e farinacei, tramite un enzima chiamatoglucochinasi. Questo enzima, oltre a essere coinvolto nellarilevazione di glucosio nel fegato e nel pancreas, e' presenteanche nell'ipotalamo, un'area del cervello che regola unavarieta' di funzioni essenziali tra cui l'assunzione di cibo.Quando l'attivita' dell'enzima glucochinasi aumentanell'ipotalamo - come i ricercatori hanno osservato nei topi -le cavie hanno consumato piu' glucosio. Quando l'attivita'dell'enzima e' diminuita, i topi hanno consumato meno glucosio.