Bpco: duplice broncodilatazione migliora performance pazienti

(AGI) - Amsterdam, 13 ott. - La duplice broncodilatazione, conla somministrazione giornaliera e combinata diindacaterolo/glicopirronio, favorisce la performance fisica deipazienti con broncopneumopatia cronico-ostruttiva (Bpco).L'efficacia di questa scelta terapeutica, gia' disponibile inItalia, e' stata confermata nel simposio "Current thinking andnew paradigm for COPD", organizzato con il supporto diNovartis, in occasione del congresso dell'European RespiratorySociety, che si e' tenuto ad Amsterdam. L'attivita' fisica e lariabilitazione respiratoria sono obiettivi fondamentali nellagestione di un paziente con Bpci. La crescente fatica che siavverte con il progredire della malattia induce unaauto-limitazione nel movimento, con

(AGI) - Amsterdam, 13 ott. - La duplice broncodilatazione, conla somministrazione giornaliera e combinata diindacaterolo/glicopirronio, favorisce la performance fisica deipazienti con broncopneumopatia cronico-ostruttiva (Bpco).L'efficacia di questa scelta terapeutica, gia' disponibile inItalia, e' stata confermata nel simposio "Current thinking andnew paradigm for COPD", organizzato con il supporto diNovartis, in occasione del congresso dell'European RespiratorySociety, che si e' tenuto ad Amsterdam. L'attivita' fisica e lariabilitazione respiratoria sono obiettivi fondamentali nellagestione di un paziente con Bpci. La crescente fatica che siavverte con il progredire della malattia induce unaauto-limitazione nel movimento, con un conseguente aggravamentodella patologia, un peggioramento della qualita' della vita edin prospettiva anche della sopravvivenza. "Valorizzando idifferenti e sinergici meccanismi d'azione dell'indacaterolo edel glicopirronio, la co-formulazione consente di assumereentrambi questi farmaci contemporaneamente, tramite un'unicasomministrazione effettuata attraverso lo stesso inalatore", hadetto Girolamo Pelaia, professore ordinario di Malattiedell'Apparato Respiratorio all'Universita' Magna Graecia diCatanzaro. "In questo modo viene massimizzata labroncodilatazione. Cio' consente di ottenere - ha proseguito -una rapida, stabile e persistente facilitazione del passaggiodell'aria attraverso i bronchi di grandi e piccole dimensioni.Massimizzare la broncodilatazione apporta un notevolemiglioramento all'andamento della patologia. Dallo studioSHINE1 emerge che la monosomministrazione giornaliera dellaco-formulazione indacaterolo/glicopirronio porta, rispetto altrattamento con un altro farmaco di confronto, a un incrementodi 16 giorni liberi da sintomi, durante i quali i pazienti sonoin grado di svolgere le loro abituali attivita' quotidiane".