Australia: "bagni" in liquido vaginale per bimbi nati con cesareo

(AGI) - Canberra, 24 giu. - E' noto che i bambini nati con unparto naturale sono esposti, durante il passaggio lungo ilcanale del parto, a una serie di batteri benefici per la lorosalute. Questo, invece, non accade per i bambini nati con partocesareo. Per superare questo gap, in Australia stannodiventando sempre piu' di moda i cosiddetti "bagni" nel fluidovaginale. In pratica, le mamme che fanno un parto cesareochiedono che i loro bimbi vengano esposti a liquido vaginalesterile, tramite un tampone, subito dopo la loro nascita. Iltampone viene cosi' applicato sulla bocca,

(AGI) - Canberra, 24 giu. - E' noto che i bambini nati con unparto naturale sono esposti, durante il passaggio lungo ilcanale del parto, a una serie di batteri benefici per la lorosalute. Questo, invece, non accade per i bambini nati con partocesareo. Per superare questo gap, in Australia stannodiventando sempre piu' di moda i cosiddetti "bagni" nel fluidovaginale. In pratica, le mamme che fanno un parto cesareochiedono che i loro bimbi vengano esposti a liquido vaginalesterile, tramite un tampone, subito dopo la loro nascita. Iltampone viene cosi' applicato sulla bocca, sul viso e ingenerale sul corpo del nascituro. La speranza e' che, cosi'facendo, il neonato abbia un sistema immunitario migliore e chequesto sistema compensi il mancato passaggio del bimbo nelcanale del parto. A spiegare questa nuova tendenza e' stato ilDaily Mail Australia. Si tratta di un metodo non ancora provatoscientificamente. Tuttavia, uno studio della School of Medicinedella New York University ha dimostrato che e' possibilerecuperare, seppur parzialmente, l'esposizione ai batteri persaa causa del cesareo con una "post-esposizione" al fluidovaginale. Ma questo "bagno" deve avvenire non troppo dopo lanascita. "Non possiamo ripristinare (l'esposizione) al 100 percento, ma possiamo contribuire a equilibrare il sistemaimmunitario", ha spiegato Maria Gloria Dominguez-Bello, docentedella New York University. .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it