Asma: Cnr, quella dei ragazzi si prende a casa

(AGI) - Roma, 23 feb. - In un quarto delle abitazioni italianeviene superato il limite dei livelli di biossido di azoto, uninquinante irritante per le vie aeree, sospettato di indurreuna maggiore prevalenza di disturbi respiratori negliadolescenti. Almeno questo e' quanto emerso da uno studiodell'Istituto di biomedicina e immunologia molecolare delConsiglio nazionale delle ricerche (Ibim-Cnr) sull'inquinamentodegli ambienti indoor, pubblicato sulla rivista EnvironmentalResearch. I risultati sono stati presentati oggi a Roma, pressoil Ministero della salute nel corso del workshop 'Inquinamentoatmosferico interno e salute nelle scuole italiane'. "Lavalutazione di oltre 300 abitazioni

(AGI) - Roma, 23 feb. - In un quarto delle abitazioni italianeviene superato il limite dei livelli di biossido di azoto, uninquinante irritante per le vie aeree, sospettato di indurreuna maggiore prevalenza di disturbi respiratori negliadolescenti. Almeno questo e' quanto emerso da uno studiodell'Istituto di biomedicina e immunologia molecolare delConsiglio nazionale delle ricerche (Ibim-Cnr) sull'inquinamentodegli ambienti indoor, pubblicato sulla rivista EnvironmentalResearch. I risultati sono stati presentati oggi a Roma, pressoil Ministero della salute nel corso del workshop 'Inquinamentoatmosferico interno e salute nelle scuole italiane'. "Lavalutazione di oltre 300 abitazioni domestiche della citta' diPalermo ha messo in evidenza come i livelli di biossido diazoto (NO2) superino nel 25 per cento dei casi i limiti (40Aµg/m3) indoor definiti dall'Organizzazione mondiale dellasanita'", ha spiegato Fabio Cibella dell'Ibim-Cnr. "I livellipiu' elevati di NO2, un inquinante secondario irritante per levie aeree e prodotto da qualsiasi processo di combustione inatmosfera, sono stati messi in relazione - ha continuato - aduna maggiore prevalenza di disturbi respiratori negliadolescenti. E' risultato esposto ad elevate concentrazioni diNO2 nella propria abitazione quasi il 90 per cento dei soggettiasmatici, mentre il 22 per cento dei soggetti allergici edesposti a elevate concentrazioni di NO2 indoor presentano asmacorrente. Anche la funzione respiratoria, misurata mediantespirometria, e' risultata peggiore del 15 per cento nei ragazziesposti a livelli piu' elevati di NO2 con storia di asma". .