Aids: quasi 500mila i cinesi sieropositivi

(AGI) - Roma, 1 dic. - Quasi mezzo milione di cinesi e' alleprese con il virus dell'Hiv/Aids con una stima che a ottobreera di 497mila contagiati e 154mila morti. A renderlo notonella Giornata mondiale della lotta all'Aids, Wang Guoqiang,vice direttore della Commissione per la Pianificazionefamiliare e della Sanita' cinese. L'emergenza va combattuta con un'iniezione di fondi, haspiegato domenica il premier Li Keqiang durante una visita aisieropositivi dell'ospedale You An di Pechino. Gli investimenti- ha spiegato - saranno destinati ad apparecchiature semprepiu' sofisticate e a tecnologie in grado di prevenire latrasmissione

(AGI) - Roma, 1 dic. - Quasi mezzo milione di cinesi e' alleprese con il virus dell'Hiv/Aids con una stima che a ottobreera di 497mila contagiati e 154mila morti. A renderlo notonella Giornata mondiale della lotta all'Aids, Wang Guoqiang,vice direttore della Commissione per la Pianificazionefamiliare e della Sanita' cinese. L'emergenza va combattuta con un'iniezione di fondi, haspiegato domenica il premier Li Keqiang durante una visita aisieropositivi dell'ospedale You An di Pechino. Gli investimenti- ha spiegato - saranno destinati ad apparecchiature semprepiu' sofisticate e a tecnologie in grado di prevenire latrasmissione del virus da madre in figlio e a combattere ladiffusione tra i gruppi piu' a rischio. Studenti, omosessuali, e persone di mezza eta': queste lafasce piu' colpite mentre sono in calo i casi di trasmissionein utero. Secondo la Commissione, infatti, nella sola Pechino imalati di AIDS hanno raggiunto a ottobre i 16.635 e il 74% diloro ha contratto il virus attraverso rapporti sessuali. "Il governo deve impegnarsi in prima persona nellaprevenzione e trattamento dell'Hiv e del'Aids, ma anche dottorie infermieri devono fare la loro parte" ha rimarcato Li. (AGI).