PAPA: A CONGRESSO EUCARISTICO ANCONA CELEBRERA' ANCHE 150* UNITA'

(AGI) - CdV, 21 giu. - Il Congresso Eucaristico Nazionale chesi celebrera' ad Ancona dal 3 all'11 settembre - e sara'concluso solennemente da Benedetto XVI con una messa nellagrande area di Fincantieri celebrata assieme a piu' di 100vescovi - "rappresenta un forte richiamo all'unita', anzi allacomunione delle Chiese locali, proprio nell'anno in cuil'Italia celebra i centocinquanta anni dalla nascita delloStato unitario". Lo afferma Vittorio Sozzi, responsabile delProgetto Culturale della Conferenza Episcopale Italiana. "Credo- spiega nella conferenza stampa di presentazione dell'evento -che sia importante cogliere il valore, non solo simbolico, ma

(AGI) - CdV, 21 giu. - Il Congresso Eucaristico Nazionale chesi celebrera' ad Ancona dal 3 all'11 settembre - e sara'concluso solennemente da Benedetto XVI con una messa nellagrande area di Fincantieri celebrata assieme a piu' di 100vescovi - "rappresenta un forte richiamo all'unita', anzi allacomunione delle Chiese locali, proprio nell'anno in cuil'Italia celebra i centocinquanta anni dalla nascita delloStato unitario". Lo afferma Vittorio Sozzi, responsabile delProgetto Culturale della Conferenza Episcopale Italiana. "Credo- spiega nella conferenza stampa di presentazione dell'evento -che sia importante cogliere il valore, non solo simbolico, masostanziale, di tale coinvolgimento". "Quando si celebro' il primo Congresso EucaristicoNazionale nel 1891 a Napoli sulla difesa dell'Eucaristia e delsuo culto - ricorda in proposito il professor Sozzi - non solonon esisteva la Conferenza Episcopale Italiana, ma anche ilnostro Paese era appena nato come Stato unitario". "Da alloramolte cose sono cambiate nella vita civile dell'Italia e nelcammino ecclesiale" e con la secolarizzazione che avanza il25esimo Congresso Eucaristico Nazionale vuole contribuire allarealizzazione degli Orientamenti pastorali sull'educazioneelaborati dai vescovi. Ai giornalisti, Sozzi elenca poi i "cinque ambiti" neiquali si articolera' il Congresso, rilevando che sono glistessi che hanno scandito il Convegno Ecclesiale Nazionale diVenezia e che offrono una possibile esemplificazione delvissuto degli uomini e delle donne oggi: affettivita',fragilita', lavoro e festa, tradizione, cittadinanza". (AGI)(AGI) - CdV, 21 giu. - Per la Chiesa Italiana, dunque, ilCongresso Eucaristico Nazionale rappresentera' "un'importanteopportunita' per riaffermare pubblicamente la fedenell'Eucaristia, Sacramento di salvezza e di comunione". In tale contesto, aggiunge Sozzi, "e' parso naturaleaiutare e i singoli credenti a mettere a fuoco il rapporto trala vita della persona e l'Eucaristia", perche' "l'educazione e'fatta anche di momenti straordinari, ma soprattutto di vitaquotidiana, che rappresenta un'opportunita' di crescita se none' banalizzata e non scade nell'abitudinaria ripetizione diprassi, ma viene colta come occasione in cui rinnovare unalibera adesione a un progetto di vita". "La caratteristica popolare del congresso Eucaristico inquesta edizione - secondo il professor Sozzi - sara' accentuatadal fatto che i diversi momenti del programma non sarannolegati solo al territorio di Ancona, ma a quello delle cinquediocesi della metropolia che comprende anche Fabriano-Matelica, Jesi, Senigallia e Loreto". "L'evento - sottolinea daparte sua l'arcivescovo di Ancona, monsignor Edoardo Menichelli- avra' la caratteristica della religiosita' popolare,ancorapresente nel nostro Paese, ma che sara' anche segnato dallaterritorialita', coinvolgendo le cinque diocesi dellametropolia con un tema significativo". "L'Eucarestia per la vita quotidiana' corrisponde ad unbisogno diffuso tra i credenti ma anche tra coloro che sono inricerca, di trovare un senso alla propria esistenza,all'interno delle difficolta' del vivere odierno". Al Congressosono attese circa 300 mila persone, secondo le stime avanzatedal comitato organizzatore e monsignor Menichelli tiene aprecisare che le iniziative saranno in massima parteautofinanziate, nel senso che accanto ai 200 mila euro inarrivo dal Governo per il "Grande evento" ci saranno i fondidella Cei e delle diocesi. "Il giorno-clou - rimarca l'arcivescovo di Ancona - sara'naturalmente quello conclusivo, l'11 settembre, con la visitadel Papa, che celebrera' la messa al mattino ai cantieri navalidella citta', quindi pranzera' coi vescovi e con unadelegazione degli operai in cassa integrazione oltre che conalcuni poveri assistiti dalla Caritas. Seguiranno due incontri:uno con le famiglie e con i presbiteri, e un secondo con ifidanzati". "Il mondo degli innamorati - conclude infatti ilpresule - sente l'urgenza di essere accompagnato. Quindi sara'l'occasione per riflettere sul rapporto profondo tra lapresenza eucaristica e il matrimonio, nella considerazione chea significati alti della vita debbono seguire comportamenticonseguenti". (AGI)Siz