NAPOLITANO: A VENARIA CONCENTRAZIONE ARTE ITALIANA MAI VISTA

(AGI) - Torino, 19 mar. - "Bisogna veramente capire che quic'e' una concentrazione, non si puo' dire di uno scrignoperche' e' troppo grande per essere uno scrigno, ma unaconcentrazione di esempi dell'arte italiana che non si era maivista e che da' il senso della crescita di una nazione primaancora che si unificasse in un unico Stato". Lo ha detto ilpresidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, visitando allaReggia di Venaria Reale la mostra 'La bella Italia'. Arte eidentita' delle citta' capitali', allestita alle ScuderieJuvarriane della Reggia di Venaria. La mostra comprende oltre350

(AGI) - Torino, 19 mar. - "Bisogna veramente capire che quic'e' una concentrazione, non si puo' dire di uno scrignoperche' e' troppo grande per essere uno scrigno, ma unaconcentrazione di esempi dell'arte italiana che non si era maivista e che da' il senso della crescita di una nazione primaancora che si unificasse in un unico Stato". Lo ha detto ilpresidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, visitando allaReggia di Venaria Reale la mostra 'La bella Italia'. Arte eidentita' delle citta' capitali', allestita alle ScuderieJuvarriane della Reggia di Venaria. La mostra comprende oltre350 opere d'arte provenienti dai musei d'Italia, del mondononche' da collezioni private e racconta le identita' delleprincipali 'capitali italiane' viste da grandi artisti chehanno fatto la storia, come Giotto, Beato Angelico, Donatello,Botticelli, Leonardo, Raffaello, Michelangelo, Tiziano, Canova,Parmigianino e tanti altri. Il capo dello Stato eraaccompagnato anche dal curatore della mostra, Antonio Paolucci.A chi gli chiedeva se nella mostra anche le citta' meridionalesiano rappresentate, Napolitano ha risposto: "nell'ambito dellamostra assolutamente unica, perche' non si era mai vista unamostra che raccogliesse i tesori delle vecchie capitali,nessuna esclusa, il ruolo di Napoli e di Palermo e' pienamentevalorizzato". (AGI)To1/Zeb