ITALIA 150: VESCOVI PIEMONTE, UNITA' SIA UNIONE MORALE E SPIRITUALE (2)

(AGI) - Torino, 14 mar - I vescovi del Piemonte sottolineanopoi il ruolo avuto a Torino, "ma con riflessi positivi pertutto il Paese", dai "Santi sociali": "seguendo il loro stiledi vita invitiamo le nostre comunita', e i giovani inparticolare, a farsi protagonisti di una nuova stagione dicammino unitario del nostro popolo, valorizzando le risorse inuna giusta prospettiva federale e solidale insieme, cementandoi valori religiosi e civili sulla roccia solida della fede edella cultura cristiana, che per vocazione sono aperteall'incontro e al dialogo con tutte le altre presenze, laiche ereligiose, che

(AGI) - Torino, 14 mar - I vescovi del Piemonte sottolineanopoi il ruolo avuto a Torino, "ma con riflessi positivi pertutto il Paese", dai "Santi sociali": "seguendo il loro stiledi vita invitiamo le nostre comunita', e i giovani inparticolare, a farsi protagonisti di una nuova stagione dicammino unitario del nostro popolo, valorizzando le risorse inuna giusta prospettiva federale e solidale insieme, cementandoi valori religiosi e civili sulla roccia solida della fede edella cultura cristiana, che per vocazione sono aperteall'incontro e al dialogo con tutte le altre presenze, laiche ereligiose, che formano la societa' civile". "Di fronte alle crescenti sfide che il rapido e tumultuosocambiamento in atto nel mondo pone al nostro Paese, c'e'bisogno di una forte e decisa ripresa spirituale da parte dellevarie componenti familiari, politiche, economiche, sociali, persostenere con fiducia il cammino della nazione, di cui ciascunoe' responsabile, chiamato a fare la sua parte anche consacrificio personale, per coltivare la speranza di un domanimigliore. Maria santissima, che giustamente e' chiamata 'lacastellana d'Italia' per i numerosi santuari che segnano eilluminano il nostro territorio, - conclude il messaggio - ciaiuti a ritrovare questa speranza in Cristo suo Figlio,fondamento certo di vero e sicuro progresso religioso e civileper la nostra Patria che amiamo profondamente".(AGI)Chc