ITALIA 150: LOMBARDO, LA SICILIA NON DOVREBBE FESTEGGIARE

(AGI) - Palermo, 26 ott. - "La Sicilia per quanto mi riguardanon dovrebbe festeggiare il centocinquantesimo dell'unita'd'Italia". Lo ha detto il presidente della Regione, RaffaeleLombardo, parlando con i giornalisti a Palermo. "L'Unitad'Italia -ha aggiunto- fu una vera e prorpia annessione, unaguerra dichiarata al Regno delle due Sicilie che ha prodotto siqualcosa, ma non per noi. Si sono portati via le riserve aureedelle nostre banche con cui hanno finanziato lo sviluppoindustriale del nord, hanno determinato una serie di leggi pertassare il pane della gente e depredare la Chiesa. Si contanoin quell'epoca

(AGI) - Palermo, 26 ott. - "La Sicilia per quanto mi riguardanon dovrebbe festeggiare il centocinquantesimo dell'unita'd'Italia". Lo ha detto il presidente della Regione, RaffaeleLombardo, parlando con i giornalisti a Palermo. "L'Unitad'Italia -ha aggiunto- fu una vera e prorpia annessione, unaguerra dichiarata al Regno delle due Sicilie che ha prodotto siqualcosa, ma non per noi. Si sono portati via le riserve aureedelle nostre banche con cui hanno finanziato lo sviluppoindustriale del nord, hanno determinato una serie di leggi pertassare il pane della gente e depredare la Chiesa. Si contanoin quell'epoca decine di migliaia di emigrati e chi ha osatoresistere e'stato tacciato di brigantaggio o e' stato ammazzatosenza pieta' Non credo sia un occasione per festeggiare, pernoi siciliani. Vediamo con favore un federalismo avanzato chesia una sorta di mezza indipendenza -ha concluso- e che ilsignor Bossi questa benedetta secessione la faccia, come sefosse una punizione per noi, vediamo se non ce la caviamomeglio, ma che nella nostra area non ci sia Roma, se no nonabbiamo concluso niente". (AGI)Cli/Pa/RapCli/Pa/Rap