ITALIA 150: IN PUGLIA NELLE PIAZZE DOVE SGORGO' L'ACQUA PUBBLICA

(AGI) - Bari, 17 mar. - Oggi in Puglia, in occasione dellafesta dell'Unita' d'Italia, i Comuni hanno scoperto una targacommemorativa nelle piazze dove per prima sgorgo' l'acquapubblica. A Bari, in Piazza Umberto I, presso la fontanamonumentale dove, il 24 aprile 1915, per prima sgorgo' l'acqua,hanno partecipato l'assessore alle Opere Pubbliche RegionePuglia, Fabiano Amati, il sindaco di Bari, Michele Emiliano,l'amministratore unico di Acquedotto Pugliese, Ivo Monteforte.La realizzazione dell'Acquedotto Pugliese e l'arrivo dell'acquanelle piazze di Puglia hanno rappresentato il primo tangibileatto dell'Unita' d'Italia per le genti meridionali e pugliesiin particolare. L'Acquedotto

(AGI) - Bari, 17 mar. - Oggi in Puglia, in occasione dellafesta dell'Unita' d'Italia, i Comuni hanno scoperto una targacommemorativa nelle piazze dove per prima sgorgo' l'acquapubblica. A Bari, in Piazza Umberto I, presso la fontanamonumentale dove, il 24 aprile 1915, per prima sgorgo' l'acqua,hanno partecipato l'assessore alle Opere Pubbliche RegionePuglia, Fabiano Amati, il sindaco di Bari, Michele Emiliano,l'amministratore unico di Acquedotto Pugliese, Ivo Monteforte.La realizzazione dell'Acquedotto Pugliese e l'arrivo dell'acquanelle piazze di Puglia hanno rappresentato il primo tangibileatto dell'Unita' d'Italia per le genti meridionali e pugliesiin particolare. L'Acquedotto nasce con legge del Regno d'Italianel 1902 (al termine di un quarantennio di dibattitiparlamentari) e grazie alla solidarieta' interregionale.Genovese la prima ditta appaltante (con gara europea),dell'Irpinia le prime storiche sorgenti, del Regno d'Italia ilfinanziamento. AQP ha inoltre realizzato una mostra fotograficastorica sull'arrivo dell'acqua nelle piazze nella pagina fan diFacebook e una edizione speciale tricolore della etichetta de"La fontanina, acqua di casa tua". "Festeggiare l'acqua inPuglia e' un atto doveroso verso tutti coloro che hannocontribuito alla realizzazione di un'opera monumentale efondamentale per lo sviluppo di una terra priva d'acqua qual e'la Puglia- ha commentato Ivo Monteforte - un riconoscimentoverso quelle migliaia di lavoratori che resero possibilel'impresa, ma anche verso quei tecnici e quei politiciilluminati che tracciarono la via. Negli ultimi tre anni - haconcluso l'amministratore unico dell'Acquedotto pugliese -abbiamo impegnato oltre 600 milioni di euro, grazie anche aldeterminante contributo della Regione Puglia, che ci hannopermesso di raggiungere importanti traguardi con l'introduzionedi tecnologia innovativa per una piu' razionale distribuzionedella risorsa disponibile, il potenziamento della rete nellesue capacita' di trasporto, una consistente riduzione delleperdite nella rete, un'acqua sempre piu' sicura e di ottimaqualita'". (AGI)Red/Sec