ITALIA 150: I PUNTI SALIENTI DEL DISCORSO DI NAPOLITANO (3)

(AGI) - Roma, 17 mar. - REGGEREMO ALLE PROVE FUTURE"Reggeremo - in questo gran mare aperto - alle prove che ciattendono, come abbiamo fatto in momenti cruciali del passato,perche' disponiamo anche oggi di grandi riserve di risorseumane e morali. Ma ci riusciremo a una condizione: che operinuovamente un forte cemento nazionale unitario, non eroso edissolto da cieche partigianerie, da perdite diffuse del sensodel limite e della responsabilita'. Non so quando e come cio'accadra' confido che accada; convinciamoci tutti, nel profondo,che questa e' ormai la condizione della salvezza comune, delcomune progresso.

(AGI) - Roma, 17 mar. - REGGEREMO ALLE PROVE FUTURE"Reggeremo - in questo gran mare aperto - alle prove che ciattendono, come abbiamo fatto in momenti cruciali del passato,perche' disponiamo anche oggi di grandi riserve di risorseumane e morali. Ma ci riusciremo a una condizione: che operinuovamente un forte cemento nazionale unitario, non eroso edissolto da cieche partigianerie, da perdite diffuse del sensodel limite e della responsabilita'. Non so quando e come cio'accadra' confido che accada; convinciamoci tutti, nel profondo,che questa e' ormai la condizione della salvezza comune, delcomune progresso. Viva la Repubblica, viva l'Italia unita".IL RISORGIMENTO E' FONTE DI ORGOGLIO VIVO E ATTUALE "Le vicende risorgimentali sono da molteplici punti di vistafonte di orgoglio vivo e attuale".CON LA CHIESA RAPPORTO COSTRUTTIVO CHE AIUTA LA COESIONE Il rapporto dello Stato italiano con la Chiesa e' costruttivo epuo' contribuire a rafforzare la coesione nazionale, comedimostrato dal messaggio di Benedetto XVI per i 150 annidell'Unita' d'Italia.FATALE PER TUTTI IGNORARE IL SUD Sulla soluzione della questione meridionale "pesa l'oscurarsidella consapevolezza delle potenzialita' che il Mezzogiornooffre per un nuovo sviluppo del paese, e che sarebbe fatale pertutti non saper valorizzare". EMERGENZA LAVORO, SOPRATTUTTO TRA I GIOVANI La questione sociale deve essere vista "innanzitutto comedrammatica carenza di prospettive di occupazione per una parterilevante dei giovani".(AGI)Nic