ITALIA 150: FLASHMOB GIOVANI ACMOS A TORINO "NOI CREDIAMO"

(AGI) - Torino, 17 mar - "Noi crediamo". E' quanto scritto suimanifesti affissi, la notte scorsa, nel centro di Torino, daigiovani dell'Associazione Acmos. Si tratta di una letteraaperta per accogliere il Capo dello Stato Giorgio Napolitano etutti i cittadini in occasione dei festeggiamenti di Italia150. Nella lettera i giovani di Acmos riassumono le ragioni perle quali hanno deciso di contribuire alla crescita del Paese,convinti che l'identita' nazionale abbia bisogno di una memoriacollettiva. "Noi crediamo - si dice nella lettera - che l'Italia sia untesoro fatto della lingua che serve a fondare

(AGI) - Torino, 17 mar - "Noi crediamo". E' quanto scritto suimanifesti affissi, la notte scorsa, nel centro di Torino, daigiovani dell'Associazione Acmos. Si tratta di una letteraaperta per accogliere il Capo dello Stato Giorgio Napolitano etutti i cittadini in occasione dei festeggiamenti di Italia150. Nella lettera i giovani di Acmos riassumono le ragioni perle quali hanno deciso di contribuire alla crescita del Paese,convinti che l'identita' nazionale abbia bisogno di una memoriacollettiva. "Noi crediamo - si dice nella lettera - che l'Italia sia untesoro fatto della lingua che serve a fondare l'uguaglianza trale persone, della cultura, dei diritti esigibili e dei doverisolidali, fatto della Costituzione, che ci rende sovrani,insieme fatto del lavoro, cuore del nostro legame sociale". "Noi crediamo - si dice ancora - che l'Italia debba esserefiera dei giovani che non se ne vanno, cercando di farlamigliore; dei magistrati che applicano la legge, nello spiritodi giustizia della Costituzione, dei giornalisti che tengonogli occhi aperti, tenendoci la coscienza accesa; dei testimonidi giustizia che ci ricordano il prezzo della liberta', degliinsegnanti e degli educatori che coltivano il futuro".(AGI)Chc