ITALIA 150: FIANO (PD), DALLA LEGA UN VOLGARE INSULTO AL PAESE

(AGI) - Roma, 16 mar. - Emanuele Fiano, responsabile Sicurezzadel Pd, in una nota afferma: "Non sappiamo se l'uscita delconsigliere Brigandi' dalla riunione del Csm, durante unadibattito sul tema del 150.mo anniversario dell'unita'd'Italia, fosse un consapevole gesto politico. Se lo fosse,sarebbe la manifestazione di un disprezzo per l'ideadell'unita' del Paese, espresso proprio nel cuore di una delleistituzioni preposte all'applicazione della Costituzione. Unvolgare insulto a chi questa unita' l'ha pagata con il propriosangue. Si tratterebbe dell'ennesimo episodio di rappresentantileghisti che siedono sui banchi di istituzioni che mantengonosalda la nostra democrazia,

(AGI) - Roma, 16 mar. - Emanuele Fiano, responsabile Sicurezzadel Pd, in una nota afferma: "Non sappiamo se l'uscita delconsigliere Brigandi' dalla riunione del Csm, durante unadibattito sul tema del 150.mo anniversario dell'unita'd'Italia, fosse un consapevole gesto politico. Se lo fosse,sarebbe la manifestazione di un disprezzo per l'ideadell'unita' del Paese, espresso proprio nel cuore di una delleistituzioni preposte all'applicazione della Costituzione. Unvolgare insulto a chi questa unita' l'ha pagata con il propriosangue. Si tratterebbe dell'ennesimo episodio di rappresentantileghisti che siedono sui banchi di istituzioni che mantengonosalda la nostra democrazia, ma che contemporaneamente voglionodimostrare ai loro militanti che loro di quell'unita' non fannoparte. Se domani, come traspare dalla parole del capogruppoReguzzoni, una rappresentanza significativa della Lega nonsara' presente alla cerimonia e al discorso del presidentedella Repubblica, quello sara' un gesto di non ritorno.Personalmente, considero incompatibile il ruolo di parlamentaredella Repubblica, di consigliere della Regione, di ministro delgoverno o, comunque, di eletto nelle istituzione repubblicanecon la non partecipazione alle celebrazione ufficiali del150.mo anniversario dell'unita' d'Italia. Troppo facilechiedere il voto del Parlamento per approvare il federalismo epoi disertarlo quando si celebra la storia del nostro Paese".(AGI).