ITALIA 150: FAZIO, QUASI DEL TUTTO ABOLITI VIAGGI PER CURE ESTERO

(AGI) - Roma, 15 mar. - La disparita' fra nord e sud, leRegioni in deficit e la riconfigurazione del percorsoassistenziale del paziente che si ammala con l'integrazione traospedale e territorio. Ecco le sfide della sanita' italiana,secondo il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, che,intervenendo al convegno 'I 150 anni della sanita' italiana',ha ricordato le grandi sfide in materia di salute e sanita'gia' vinte dal nostro Paese. "Primo, l'aumento esponenziale dell'aspettativa di vita chedai 33 anni nel 1861 e' arrivata oggi agli 80 anni per gliuomini ed 85 per le donne ma soprattutto

(AGI) - Roma, 15 mar. - La disparita' fra nord e sud, leRegioni in deficit e la riconfigurazione del percorsoassistenziale del paziente che si ammala con l'integrazione traospedale e territorio. Ecco le sfide della sanita' italiana,secondo il ministro della Salute, Ferruccio Fazio, che,intervenendo al convegno 'I 150 anni della sanita' italiana',ha ricordato le grandi sfide in materia di salute e sanita'gia' vinte dal nostro Paese. "Primo, l'aumento esponenziale dell'aspettativa di vita chedai 33 anni nel 1861 e' arrivata oggi agli 80 anni per gliuomini ed 85 per le donne ma soprattutto - ha sottolineatoFazio - negli ultimi dieci anni si e' ridotta quasi del tutto,se non per casi gravissimi, la pratica di viaggi all'estero perle cure. Vent'anni fa invece era la regola", ha proseguito ilministro. Guardando al futuro c'e', secondo Fazio, grandespazio per la medicina preventiva e la sanita' integrativa, "iltutto - ha concluso - in un sistema pubblico con, ci auguriamo,un forte contributo dei privati". (AGI)Rmc/Stp