ITALIA 150: COMMERCIANTI TORINO, CELEBRAZIONI PORTANO +50% AFFARI

(AGI) - Torino, 24 mar - Aumento degli affari fino al 50%rispetto alla settimana precedente, per oltre la meta' delleattivita' commerciali contattate e situate nelle zona centraledi Torino. In particolare, le celebrazioni di Italia 150 sonostate positive per il settore del "food" (ristoranti, bar,caffetterie, gelaterie e pizzerie) ma anche il "non food",specie l'abbigliamento, ha registrato aumenti fino al 30%. Increscita anche le guide turistiche, con un incremento diimpegni fino al 7,7%. Di tutt'altro genere le rilevazioni nellezone periferiche o appena fuori dal perimetro centrale, dove lecifre sono molto ridimensionate o

(AGI) - Torino, 24 mar - Aumento degli affari fino al 50%rispetto alla settimana precedente, per oltre la meta' delleattivita' commerciali contattate e situate nelle zona centraledi Torino. In particolare, le celebrazioni di Italia 150 sonostate positive per il settore del "food" (ristoranti, bar,caffetterie, gelaterie e pizzerie) ma anche il "non food",specie l'abbigliamento, ha registrato aumenti fino al 30%. Increscita anche le guide turistiche, con un incremento diimpegni fino al 7,7%. Di tutt'altro genere le rilevazioni nellezone periferiche o appena fuori dal perimetro centrale, dove lecifre sono molto ridimensionate o addirittura in flessione. E'quanto emerge dal Progetto "Tre To"(Termometro Ricadute degliEventi su Torino), pensato dall'Ascom torinese edall'assessorato regionale al turismo per monitorarecostantemente, da ora a novembre, l'effettiva incidenzadeterminata dalle celebrazioni dei 150 anni dell'Unita'd'Italia sugli affari del sistema commerciale cittadino. A incidere in modo piu' consistente (oltre il 50%) sulvolume degli acquisti e' stata, per piu' della meta' degliesercizi commerciali contattati, una clientela formata daadulti o anziani; in netto aumento (38,5%) anche le famiglieaccompagnate dai figli. Per quanto riguarda la provenienza della clientela, gliaumenti nazionali si aggirerebbero sul 34%, in in un ambito dipresenze locali pari a oltre il 65%, ed ina crescita risultanoanche gli stranieri, fino al 19,2%, in particolare francesi,inglesi, austriaci, tedeschi e russi. "E' la prima volta - spiega Maria Luisa Coppa, presidenteAscom Torino - che si mette in pista un'indagine del genere,focalizzando il monitoraggio esclusivamente sugli esercizicommerciali, non includendoli all'interno di una indagine piu'ampia mirata, ad esempio, anche alla rete alberghiera o ad untessuto di terziarieta' piu' variegato". Curatore del progetto e' Giuseppe Tipaldo, docentedell'Ateneo torinese, che spiega: "Molto in sintesi cio' cheemerge e' l'indubbio effetto positivo determinato dallecelebrazioni in calendario sulle attivita' commerciali nontanto per l'aumento della spesa da parte del singolo, quantopiuttosto dall'ampiezza della domanda aggregata. Tra gliobiettivi c'e' l'analisi e l'osservazione di almeno altr 15grandi eventi, direttamente o indirettamente collegati al150simo".(AGI)Chc