ITALIA 150: CHIAMPARINO, ESPLOSIONE SENTIMENTO NAZIONALE

(AGI) - Torino, 24 mar. - "Io sono stato uno dei non molti inItalia a fare la battaglia, perche' il 17 fosse festanazionale, perche' avevo annusato la voglia di partecipazionedegli italiani. Pero', anche chi come me aveva detto chesarebbe scattata la scintilla un po' come per le Olimpiadi, nonaveva assolutamente previsto che ci fosse questa vera e propriaesplosione di sentimento nazionale e patriottico che c'e', enon solo a Torino". Lo ha detto il sindaco di Torino, SergioChiamparino, nel corso della seduta straordinaria, dedicata al150esimo anniversario dell'Unita' d'Italia, del Consigliocomunale del

(AGI) - Torino, 24 mar. - "Io sono stato uno dei non molti inItalia a fare la battaglia, perche' il 17 fosse festanazionale, perche' avevo annusato la voglia di partecipazionedegli italiani. Pero', anche chi come me aveva detto chesarebbe scattata la scintilla un po' come per le Olimpiadi, nonaveva assolutamente previsto che ci fosse questa vera e propriaesplosione di sentimento nazionale e patriottico che c'e', enon solo a Torino". Lo ha detto il sindaco di Torino, SergioChiamparino, nel corso della seduta straordinaria, dedicata al150esimo anniversario dell'Unita' d'Italia, del Consigliocomunale del capoluogo piemontese. "Nella Notte Tricolore diTorino - ha detto Chiamparino - nonostante la pioggia, le viedel centro erano piene di gente, non solo per il concerto,c'era di piu' e io credo che questo di piu' fosse esattamentel'esplosione del sentimento di italianita'". SecondoChiamparino "e' vero che c'e' stata un'epoca in cui la sinistranon si riconosceva nel tricolore. C'era un periodo in cui ilsentimento nazionale, persino sul piano calcistico, non eracosi'. Pero', riconoscere di saper cambiare e' un grandevalore". In questi giorni di festeggiamenti, per il sindaco diTorino "e' avvenuto qualcosa nella pancia degli italiani chenon tutte le forze politiche hanno capito adeguatamente,perche' mentre in Piemonte le istituzioni sono sempre statetutte rappresentate in tutti i momenti topici di questecelebrazioni, non e' stato cosi' quando a Roma, a Camereriunite, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano hapronunciato il suo discorso". Per Chiamparino, occorre"lavorare tutti quanti per dare continuita' e pratica al sensodi responsabilita' nazionale e alla domanda di istituzionidegli italiani". (AGI) To1/Eli