ITALIA 150: BOCCHINO (FLI), BERLUSCONI FISCHIATO PER VIA DI BOSSI

(AGI) - Roma, 18 mar. - "Alla fine credo che Napolitano nonabbia potuto esimersi dal richiamo a essere piu' sobri. Ierinon mi ha fatto piacere assistere ai fischi a Berlusconi, LaRussa e al sindaco Alemanno. Vanno pero' lette politicamentequeste contestazioni, la cui origine sta nel fatto che ilsentimento suscitato dall'unita' d'Italia e' stato cosi'profondo, cosi' radicato che gli uomini del Governo hannoprobabilmente sottovalutato questo momento, piegandosi allademagogia della Lega". Lo ha detto Italo Bocchino (FLI)stamattina a Omnibus, su LA7. "Dopo che e' stata inaugurata la stagione del presidente,in cui Berlusconi

(AGI) - Roma, 18 mar. - "Alla fine credo che Napolitano nonabbia potuto esimersi dal richiamo a essere piu' sobri. Ierinon mi ha fatto piacere assistere ai fischi a Berlusconi, LaRussa e al sindaco Alemanno. Vanno pero' lette politicamentequeste contestazioni, la cui origine sta nel fatto che ilsentimento suscitato dall'unita' d'Italia e' stato cosi'profondo, cosi' radicato che gli uomini del Governo hannoprobabilmente sottovalutato questo momento, piegandosi allademagogia della Lega". Lo ha detto Italo Bocchino (FLI)stamattina a Omnibus, su LA7. "Dopo che e' stata inaugurata la stagione del presidente,in cui Berlusconi ha detto che i ministri avrebbero dovutovotare sempre compatti, vietando di fatto il voto controperche' ha detto che nel caso un ministro avrebbe dovutodimettersi, per la prima volta nel caso delle celebrazionidell'unita' d'Italia ha consentito il dissenso. Ma per legge ildecreto sulla festa dei 150 anni dell'unita' dal prossimo annonon sara' piu' una festa perche' e' un decreto temporaneo. Ede' un decreto temporaneo perche' la Lega ha annunciato che sesi dovesse rivotare votera' contro mettendo in crisi ilGoverno", ha precisato Bocchino. Che ha poi continuato: "Credoche Bossi, La Russa e Alemanno abbiano pagato il non esserestati piu' rigidi nei confronti della Lega. Io sono d'accordocon la proposta dell'onorevole Gianfranco Paglia per far si'che il 17 marzo sia sempre una festa nazionale, togliamoneun'altra".(AGI)Nic