ITALIA 150: A TORINO RADUNO NAZIONALE VOLONTARIATO E NON PROFIT

(AGI) - Torino, 21 giu. - Sara' "non c'e' futuro senzasolidarieta'" il messaggio che verra' diffuso a Torino dal 24al 26 giugno in occasione del Raduno nazionale del volontariatoe del non profit italiano. Per la prima volta nella storia, ilTerzo settore nella sua interezza si presentera' sotto un unicosimbolo per festeggiare i 150 anni dell'Unita' d'Italia el'Anno europeo del volontariato 2011. Evento clou dellamanifestazione sara' il 25 giugno, in piazza San Carlo: dalle10 alle 13, Fabrizio Frizzi presentera' dal palco alcune"Storie di solidarieta'" scelte tra le 40 selezionate perl'occasione dagli

(AGI) - Torino, 21 giu. - Sara' "non c'e' futuro senzasolidarieta'" il messaggio che verra' diffuso a Torino dal 24al 26 giugno in occasione del Raduno nazionale del volontariatoe del non profit italiano. Per la prima volta nella storia, ilTerzo settore nella sua interezza si presentera' sotto un unicosimbolo per festeggiare i 150 anni dell'Unita' d'Italia el'Anno europeo del volontariato 2011. Evento clou dellamanifestazione sara' il 25 giugno, in piazza San Carlo: dalle10 alle 13, Fabrizio Frizzi presentera' dal palco alcune"Storie di solidarieta'" scelte tra le 40 selezionate perl'occasione dagli organizzatori. I racconti sarannointervallati da momenti di intrattenimento a curadell'orchestra di Paolo Belli e del Laboratorio del Suono delSermig. La valorizzazione delle esperienze di solidarieta' sisviluppera' sia attraverso la presenza degli stessiprotagonisti sia grazie ad un percorso su pannelli chedocumenteranno le azioni di questi protagonisti. Sarannopresenti, tra gli altri, Valentino Castellani, Pierluigi Dovis,direttore Caritas Diocesana Torino, Suor Giuliana Galli,vicepresidente della Compagnia San Paolo, Don Antonio Mazzi,presidente Fondazione Exodus Onlus, Ernesto Olivero del SermigTorino. Sempre sabato 25 giugno sara' presentata un'altraimportante iniziativa, la creazione del Museo diffuso delsociale, un luogo fisico ma anche virtuale capace divalorizzare il patrimonio distribuito sul territorio nazionale.L'evento e' organizzato dal Comitato 2011 - Unita' dell'ItaliaSolidale e portera' in piazza numerosi volontari di diversisettori: dal sanitario al socio assistenziale, dalla protezionecivile alla promozione sociale. "Testimonieremo come il nostromondo abbia portato all'unita' dell'Italia solidale - haspiegato il coordinatore del Comitato 2011 Gianfranco Cattai,oggi nel corso della presentazione del raduno - per costruireuna societa' piu' giusta ed equa serve solidarieta', non c'e'futuro altrimenti". Cattai ha spiegato come siano molte "leorganizzazioni nate sotto lo Stato unitario. Organizzazioni chehanno contribuito concretamente a realizzarlo, a farlo cresceree che oggi, assieme alle associazioni piu' giovani, intendonoribadire idee, valori, obiettivi, tradizione storica epartecipazione per dare significato politico alla proposta dibuon futuro che arriva dalla societa' civile". (AGI) To1