ITALIA 150: A TORINO IL RADUNO NAZIONALE DEI CAVALIERI TEMPLARI

(AGI) - Torino, 16 giu. - Si terra' domani e sabato a Torino,presso la sede del Consiglio regionale del Piemonte a PalazzoLascaris, il 18� raduno nazionale dei Templari dell'OrdineSouverain et Militaire du Temple de Jerusalem. I Templariquest'anno hanno scelto il capoluogo piemontese per l'incontroin occasione dei 150 anni dell'Unita' d'Italia. Domani alle 17si terra' una conferenza sul tema: "Templari: il vero segreto".Dopo il saluto del presidente del Consiglio regionale delPiemonte Valerio Cattaneo interverranno: il giornalista WalterGrandis, Governatore e Gran Priore, autore del volume omonimo eFrancesco Stocovaz, Grand Comandeur dell'Ordine. Partecipano

(AGI) - Torino, 16 giu. - Si terra' domani e sabato a Torino,presso la sede del Consiglio regionale del Piemonte a PalazzoLascaris, il 18� raduno nazionale dei Templari dell'OrdineSouverain et Militaire du Temple de Jerusalem. I Templariquest'anno hanno scelto il capoluogo piemontese per l'incontroin occasione dei 150 anni dell'Unita' d'Italia. Domani alle 17si terra' una conferenza sul tema: "Templari: il vero segreto".Dopo il saluto del presidente del Consiglio regionale delPiemonte Valerio Cattaneo interverranno: il giornalista WalterGrandis, Governatore e Gran Priore, autore del volume omonimo eFrancesco Stocovaz, Grand Comandeur dell'Ordine. Partecipanoall'incontro Cavalieri e Dame provenienti da varie regioniitaliane e dall'estero. Nella mattinata di sabato, dalle 10.30,si svolgera' sempre a Palazzo Lascaris la cerimonia ufficialedi investitura e accettazione nell'Ordine di sei nuovicavalieri templari piemontesi. Nella stessa giornata di sabato,prima di riunirsi per il loro Capitolo annuale, Dame eCavalieri, guidati dai confratelli della locale Commenda"Augusta Taurinorum", deporranno una corona d'alloro ad unmonumento ai Caduti della citta'. Il Gran Priorato d'Italia e'una filiazione diretta dall'Istituzione dei Cavalieri Templarifondata a Parigi nel 1804. I Templari si richiamano ai valoridi fratellanza universale degli antichi monaci-guerrieri la cuistoria, iniziata a Gerusalemme dopo la prima crociata nel 1118,ebbe una tragica interruzione a causa delle persecuzioni del redi Francia Filippo il Bello che portarono al disconoscimentodell'Ordine da parte del Papa Clemente V e al rogo di centinaiadi Cavalieri e del Maestro Jacques de Molay. I neo-templariitaliani sono presenti in tutta Italia: per il Nord Est aTrieste, dove c'e' la sede nazionale, per il Nord Ovest aTorino e per il Centro Sud a Senigallia. L'ingresso nell'Ordinedei Templari avviene su presentazione ed e' aperto ai icittadini italiani di qualunque estrazione sociale oconvinzione spirituale che abbiano compiuto 25 anni e abbianouna condotta morale irreprensibile. I Cavalieri e le Dameindossano il mantello crociato e si dedicano prevalentemente aopere di solidarieta', alla ricerca storica e allarivalutazione degli antichi ideali dei loro antenatispirituali. (AGI).