Piano per gestione rifiuti, Italia in Cirgiordanaia

(AGI) - Gerusalemme, 16 set. - Nuovo impegno italiano inCisgiordania, dove e' stato inaugurato il progetto promosso daCesvi 'Miglioramento delle condizioni sanitario-ambientali nelGovernatorato di Tulkarem attraverso il supporto alla raccoltae il riciclaggio dei rifiuti e la riabilitazione di discaricheabusive'. L'iniziativa, della durata di tre anni e con uncofinanziamento di 1,095 milioni di euro della direzionegenerale per la Cooperazione allo sviluppo della Farnesina suun totale di 1,5 milioni, vede coinvolti diversi attori delleistituzioni locali, della comunita' e della societa' civilequali il Joint Service Counci for Solid Waste Management diTulkarem e

(AGI) - Gerusalemme, 16 set. - Nuovo impegno italiano inCisgiordania, dove e' stato inaugurato il progetto promosso daCesvi 'Miglioramento delle condizioni sanitario-ambientali nelGovernatorato di Tulkarem attraverso il supporto alla raccoltae il riciclaggio dei rifiuti e la riabilitazione di discaricheabusive'. L'iniziativa, della durata di tre anni e con uncofinanziamento di 1,095 milioni di euro della direzionegenerale per la Cooperazione allo sviluppo della Farnesina suun totale di 1,5 milioni, vede coinvolti diversi attori delleistituzioni locali, della comunita' e della societa' civilequali il Joint Service Counci for Solid Waste Management diTulkarem e la Thinnabeh Cooperative for Agricultural Services,insieme a commercianti, agricoltori, insegnanti e studenti,oltre che l'Universita' Al Najah di Tulkarem. Alla cerimonia diinaugurazione hanno preso parte il sindaco di Tulkarem, Mahmoudal-Jallad, il governatore Abdel Allah Kameel, i rappresentantidei ministeri di Educazione, Agricoltura e Dipartimento per laProtezione dell'Ambiente, insieme al direttore dell'Unita'tecnica locale, Silvano Tabbo'. Il progetto punta non solo acontribuire al miglioramento della qualita' della vita e dellecondizioni igienico-sanitarie ma altresi' a migliorare lecapacita' di gestione dei rifiuti solidi urbani attraverso lariduzione dei rifiuti e la riabilitazione di due discaricheabusive. Problematiche che hanno acquistato via via sempre piu'importanza e attenzione anche da parte delle autorita'palestinesi. (AGI).