ITALIA-PERU', LA RICERCA SULLA BIODIVERSITA' PASSA PER LIMA

(VELINO) Roma, 16 Lug - La cooperazione scientifica legata allostudio e la tutela della biodiversita' amazzonica tra Italia ePeru' passa per Lima. Lo fa grazie alla mostra "Micromundos" diEmanuele Biggi, organizzata dall'Istituto italiano di cultura(Iic) nella capitale peruviana. L'esposizione raccoglie 40immagini di grande formato del noto naturalista e fotografoitaliano, conosciuto dal grande pubblico televisivo in quantoanche co-conduttore della trasmissione "Geo". L'iniziativa,inaugurata nei giorni scorsi dall'Incaricato d'affaridell'ambasciata d'Italia a Lima Ivo Michele Polacco, e' stataorganizzata in collaborazione con il ministero della Culturaperuviano, il quale ha messo a disposizione una delle

(VELINO) Roma, 16 Lug - La cooperazione scientifica legata allostudio e la tutela della biodiversita' amazzonica tra Italia ePeru' passa per Lima. Lo fa grazie alla mostra "Micromundos" diEmanuele Biggi, organizzata dall'Istituto italiano di cultura(Iic) nella capitale peruviana. L'esposizione raccoglie 40immagini di grande formato del noto naturalista e fotografoitaliano, conosciuto dal grande pubblico televisivo in quantoanche co-conduttore della trasmissione "Geo". L'iniziativa,inaugurata nei giorni scorsi dall'Incaricato d'affaridell'ambasciata d'Italia a Lima Ivo Michele Polacco, e' stataorganizzata in collaborazione con il ministero della Culturaperuviano, il quale ha messo a disposizione una delle sale piu'ampie del Museo de la Nacion, che ospita tra l'altro anche lasede centrale del dicastero. Le foto esposte sono statescattate nel corso delle ricerche che Biggi ha svolto nel paeselatino americano, in particolare nel Sud-Est in prossimita' delparco nazionale del Manu. Nei suoi lavori si ritraggono variespecie rare e poco note di anfibi, rettili e insetti,presentando alcuni risultati recenti di indagini in ambitoetologico. L'area studiata e' peraltro caratterizzata da unabiodiversita' vegetale e animale uniche al mondo: in questocontesto, i "Micromundos" svolgono un ruolo essenziale perl'equilibrio dell'ecosistema, ma d'altra parte e' soggetta airischi derivanti dai cambiamenti climatici e dalle alterazionidell'habitat circostante. Il progetto assume particolarerilievo, sia poiche' costituisce un esempio di cooperazionescientifica bilaterale dal significativo impatto divulgativosia perche' gode di buona visibilita' nel contesto delleiniziative a tematica ambientale che si terranno a Lima neiprossimi mesi, di fatto inaugurando un programma dimanifestazioni organizzate dalle maggiori istituzioni peruvianee da quelle straniere attive nel Paese. A questo proposito, varicordato che a dicembre Lima sara' la sede della COP 20,conferenza internazionale delle parti aderenti alla convenzionequadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. vel.