WORLD REGIONS FORUM: IL 29 FOCUS SULL'USO SOSTENIBILE DELL'ACQUA

(AGI) - Roma, 27 set. - Non solo una risorsa da sfruttare ma unasset da conservare e salvaguardare per il bene dell'ambiente edel sistema economico. Sara' l'acqua uno dei temi principalidella seconda edizione del World Region Forum, lamanifestazione milanese che a questa vitale tematica dedichera'un workshop nel corso della seconda giornata di lavori,giovedi' 29 settembre, dalle 14 alle 18. Una tematica checoinvolge profondamente le comunita' regionali, le quali hannoun forte ruolo operativo nella gestione del patrimonio idrico enon possono non interrogarsi su come utilizzarlo nel modo piu'efficiente possibile. La Direzione

(AGI) - Roma, 27 set. - Non solo una risorsa da sfruttare ma unasset da conservare e salvaguardare per il bene dell'ambiente edel sistema economico. Sara' l'acqua uno dei temi principalidella seconda edizione del World Region Forum, lamanifestazione milanese che a questa vitale tematica dedichera'un workshop nel corso della seconda giornata di lavori,giovedi' 29 settembre, dalle 14 alle 18. Una tematica checoinvolge profondamente le comunita' regionali, le quali hannoun forte ruolo operativo nella gestione del patrimonio idrico enon possono non interrogarsi su come utilizzarlo nel modo piu'efficiente possibile. La Direzione Ambiente Energia e Retidella Regione Lombardia ha avvertito quindi il bisogno diidentificare l'oro azzurro come un'area prioritaria dove, inuna fase di limitate disponibilita' finanziarie, vanno allocaterisorse umane ed economiche in modo tale da garantire l'usosostenibile di un bene fondamentale tanto per intere filiereproduttive quanto per la salute dei cittadini. Gli studi internazionali dipingono un quadro piuttostochiaro: entro il 2030 un terzo della popolazione mondialevivra' in aree dove l'acqua sara' scarsa, uno scenarioaggravato dalla maggiore frequenza di eventi climaticieccezionali, e la domanda da parte degli agglomerati urbanisara' nel frattempo aumentata in modo considerevole. E lascarsita' non va considerata solo dal punto di vistaquantitativo ma anche da una prospettiva economica, laddove siconsiderano le risorse finanziarie necessarie per renderladisponibile. Proprio sotto questo aspetto si rende necessariostudiare nuove politiche in grado di conciliare la necessita'di preservare le risorse idriche e di assicurarne un'erogazioneadeguata non solo per l'uso urbano, industriale e agricolo maanche per destinazioni altrettanto importanti per le economielocali, quali il turismo, l'idroelettrico e la pesca. Questa dimensione locale si interfaccia a sua volta con unadimensione internazionale legata al fatto che numerosi bacinifluviali attraversano il territorio di due o piu' paesi e, nelcaso di economie in via di sviluppo, gli accordi tra stati perun utilizzo razionale dell'acqua sono meno diffusi esviluppati. Sono dunque numerosi i fattori che rendono lagestione delle risorse idriche un tema cosi' complesso, apartire dall'alto livello di articolazione delle competenzerichieste e dall'elevato numero di stakeholder presenti,stakeholder spesso portatori di interessi indipendenti e tra iquali e' necessario costruire un dialogo strutturato. (AGI) Rme