WORLD REGIONS FORUM: A MILANO IL "G 15" DELLE REGIONI

(AGI) - Milano, 22 set. - Regione Lombardia ospitera', dal 28al 30 settembre, la seconda edizione del World Regions Forum,la rete di governi subnazionali delle aree piu' dinamiche einnovative del mondo. Il progetto di rete, che prese il via anovembre 2009, e', infatti, ideato e promosso da RegioneLombardia in stretta collaborazione con il ministero degliAffari Esteri. Ed e' stato proprio il presidente dellaLombardia, Roberto Formigoni a presentare, in una conferenzastampa, l'edizione di quest'anno, che avra' come tema'Multilevel governance and civil society for innovation andgrowth' ('Governo multilivello e societa' civile per

(AGI) - Milano, 22 set. - Regione Lombardia ospitera', dal 28al 30 settembre, la seconda edizione del World Regions Forum,la rete di governi subnazionali delle aree piu' dinamiche einnovative del mondo. Il progetto di rete, che prese il via anovembre 2009, e', infatti, ideato e promosso da RegioneLombardia in stretta collaborazione con il ministero degliAffari Esteri. Ed e' stato proprio il presidente dellaLombardia, Roberto Formigoni a presentare, in una conferenzastampa, l'edizione di quest'anno, che avra' come tema'Multilevel governance and civil society for innovation andgrowth' ('Governo multilivello e societa' civile perl'innovazione e la crescita'). "La globalizzazione e i grandicambiamenti a cui assistiamo - ha spiegato Formigoni - hannoportato al riconoscimento di un ruolo sempre maggiore dellerealta' subnazionali viste come soggetti dotati di unacapacita' di adattamento e di risposta piu' rapide aicambiamenti". Su questo tema si confronteranno i governatori ei delegati (circa 130) delle rispettive Regioni. Si tratta diIllinois, Massachusetts, Quebec, Nuevo Leon, Stato di SanPaolo, Provincia di Buenos Aires, Gauteng, Baden-W�rttemberg,Regione di Madrid, Rh�ne-Alpes, Catalogna, San Pietroburgo,Regione di Shanghai, Singapore, Maharashtra che, insieme allaLombardia, sono impegnate a sviluppare forme innovative dicollaborazione fondate sulla consultazione flessibile,l'apertura, la non burocratizzazione. "Non sfugge a nessuno -ha sottolineato il governatore - il peso della crisi mondiale:a maggior ragione risulta la risposta positiva di tutte questerealta', le cui delegazioni sono quantitativamente maggioririspetto alla prima edizione, che si sono sobbarcate l'impegno.Cio' conferma l'intuizione iniziale del WRF, e cioe' il ruolofondamentale e crescente delle entita' subnazionali". Le primedue giornate, 28 e 29 settembre, sono dedicate ai lavori perambiti tematici, e si svolgeranno presso il nuovo CentroCongressi di Fiera Milano City. La terza giornata, 30settembre, in seduta plenaria con i leader politici delleRegioni partner, si svolgera' a Palazzo Lombardia. Interverra',in questa occasione, il ministro degli Esteri italiano, FrancoFrattini. Gia' nella sua prima giornata di lavoro - 28settembre - la seconda edizione del Forum presentera' unanovita': l'apertura alle realta' di eccellenza in ambitoimprenditoriale, delle universita' e della ricerca. Il WorldRegions Forum diventa dunque un luogo di facilitazione alrafforzamento di collaborazioni internazionali e di accordi traimprese, universita' e centri di ricerca. Per la prima volta siterra' un workshop dedicato alle collaborazioni imprenditorialie all'innovazione tra le regioni partner, cui parteciperanno irappresentanti di istituzioni, imprese e camere di commerciomiste. Il giorno successivo, i lavori proseguirannoarticolandosi in workshop dedicati ai grandi settori diapprofondimento e di collaborazione avviati nel primo WRF,cioe' capitale umano, ambiente e sanita', dando ulterioreimpulso e sviluppo al lavoro svolto in questi due anni. Inparticolare sono stati individuate tre questioni concrete, unaper ciascun settore: mobilita' dei ricercatori perl'innovazione; risorse idriche; cura dei tumori e biobanche.'Multilevel governance and civil society for innovation andgrowth', e' invece il tema sul quale si confronteranno i leaderpolitici, alla presenza di tutte le delegazioni, nella plenariadel 30 settembre, a Palazzo Lombardia. Il pomeriggiodell'ultimo giorno di lavori, infine, sara' dedicato a unapresentazione ai governatori e alle delegazioni dei programmidi Expo 2015. (AGI).