WEC 2010: WEC ITALIA, LE "4 A" DI MONTREAL (2)

(AGI) - Roma, 30 lug. - ACCESSIBILITY: Il tema dell'accessoall'energia puo' essere declinato secondo diverse lineedirettrici. Il WEC Italia ne ha individuate tre: accessibilita'alle risorse energetiche da parte di popolazioni povere cheancora non dispongono dell'energia; accessibilita' per i paesiin via di sviluppo con l'obiettivo di alimentare il proprio mixenergetico con fonti piu' pulite; accessibilita' legata alcambiamento climatico per i paesi industrializzati. Questanatura cosi' molteplice del tema dell'accessibilita' richiedesoluzioni calibrate secondo lo specifico contesto. Pertanto, unapproccio ispirato alla logica del "one-fit-model" noncostituisce la soluzione adatta alla risoluzione dei problemidi

(AGI) - Roma, 30 lug. - ACCESSIBILITY: Il tema dell'accessoall'energia puo' essere declinato secondo diverse lineedirettrici. Il WEC Italia ne ha individuate tre: accessibilita'alle risorse energetiche da parte di popolazioni povere cheancora non dispongono dell'energia; accessibilita' per i paesiin via di sviluppo con l'obiettivo di alimentare il proprio mixenergetico con fonti piu' pulite; accessibilita' legata alcambiamento climatico per i paesi industrializzati. Questanatura cosi' molteplice del tema dell'accessibilita' richiedesoluzioni calibrate secondo lo specifico contesto. Pertanto, unapproccio ispirato alla logica del "one-fit-model" noncostituisce la soluzione adatta alla risoluzione dei problemidi accessibilita'. La produzione de-centralizzata dell'energiapuo' essere una buona soluzione per rispondere alla poverta'energetica nel breve periodo, tuttavia, in un piu' lungoperiodo, in attesa di rilevanti salti tecnologici, solo grandiinfrastrutture energetiche potranno garantire un piu' ampioaccesso all'energia a costi sostenibili per le popolazioni piu'povere. Per i paesi in via di sviluppo, l'accesso all'energiaattiene principalmente al livello di consumo di energiapro-capite. In questi paesi, una parte sempre piu' ampia dellapopolazione sta incrementando il proprio consumo di energiaattraverso l'utilizzo delle apparecchiature moderne e deltrasporto privato. La preoccupazione principale dei Governi,dunque, risiede nel riuscire a soddisfare il fabbisogno dienergia a costi sostenibili. Conseguire simili obiettivi con lefonti di energia rinnovabile, come l'eolico, il solare e ibiocarburanti, non e', oggi, un obiettivo sostenibile dal puntodi vista economico. Meccanismi internazionali appropriati (comeil Clean Development Mechanism) dovrebbero essere implementatial fine di fornire un supporto finanziario allo sviluppo e alladiffusione, nei paesi in via di sviluppo, delle miglioritecnologie attualmente disponibili (BAT) per la produzione el'utilizzo dell'energia. E' necessario, tuttavia, replicaremodelli energetici che siano compatibili con i sistemi locali.Nei paesi industrializzati, l'accessibilita' e' legataprincipalmente ai prezzi al consumo. In questi paesi, latransizione verso la de-carbonizzazione dell'energia,principalmente attraverso lo sviluppo delle energierinnovabili, potrebbe incidere sui futuri costi dell'energia esui prezzi finali delle commodities. In primo luogo, le severenormative ambientali potrebbero comportare il rischio dide-localizzazione degli impianti in paesi non regolati dallestesse normative. Inoltre, i consumatori sono preoccupati dalpeso della bolletta energetica sul bilancio familiare. Lepolitiche energetiche e ambientali, dunque, dovrebberofocalizzare la loro attenzione su esempi virtuosi diregolamentazione e sull'implementazione delle fonti e delletecnologie piu' efficienti, cosi' da combinare l'obiettivodella riduzione delle emissioni con l'economicita'dell'energia. (AGI) Ccc (Segue)