REGIONS FORUM: FRATTINI, INCORAGGIARE RAPPORTI INTERNAZIONALI

(AGI) - Milano, 30 set. - Il governo italiano sostiene eventicome il World Regions Forum, perche' incoraggia lo sviluppo direlazioni internazionali fra regioni del mondo e perche'consente di sviluppare strategie di medio e lungo termine sutemi strategici che nessuno puo' affrontare da solo. Cosi', inun videomessaggio, il ministro degli Esteri, Franco Frattini,ha salutato la sessione plenaria che apre la giornataconclusiva della tre-giorni che si sta tenendo a Milano, confermando che "l'Italia e il governo hanno sempre attribuitopienissima dignita' allo sviluppo di relazioni internazionalianche a livelli territoriali". "Incoraggiamo il perseguimento fattivo e

(AGI) - Milano, 30 set. - Il governo italiano sostiene eventicome il World Regions Forum, perche' incoraggia lo sviluppo direlazioni internazionali fra regioni del mondo e perche'consente di sviluppare strategie di medio e lungo termine sutemi strategici che nessuno puo' affrontare da solo. Cosi', inun videomessaggio, il ministro degli Esteri, Franco Frattini,ha salutato la sessione plenaria che apre la giornataconclusiva della tre-giorni che si sta tenendo a Milano, confermando che "l'Italia e il governo hanno sempre attribuitopienissima dignita' allo sviluppo di relazioni internazionalianche a livelli territoriali". "Incoraggiamo il perseguimento fattivo e attivo di rapportifra le regioni del mondo", ha assicurato il titolare dellaFarnesina, secondo cui poi e' "positivo" che le regionipropongano "un sistema coordinato", con rapporti fra sistemiimprenditoriali, universita', istituti di ricerca, ancheperche' "e' un modo di consolidare una rete di relazioniinternazionali". Per Frattini la partecipazione e' stata "anchenumericamente significativa", oltre a sfruttare "una formulache si apre ai contributi di ciascuno", che rappresenta "unvalore aggiunto" soprattutto per riflettere su "strategie dimedio e lungo termine". "Questo forum da un contributo su temistrategici perche' non guarda solo ad oggi, ma alle tappesuccessive, a quello che un network di regioni puo' faredomani". In definitiva, ha concluso, il Wrf rappresenta"un'iniziativa politica", che sviluppa i rapportiinternazionali delle regioni, cosi' da farle crescere su "temiglobali che neanche i Paesi piu' grandi possono affrontare dasoli". (AGI)mi1/Sar