M. O.: amb Israele, energia puo' aiutare a stabilizzare area

(AGI) - Roma, 29 ott. - Dai nuovi scenari energetici in MedioOriente, che si potrebbero aprire in seguito alle recentiscoperte nelle acque egiziane, potra' arrivare una stabilita'per la regione: e' l'auspicio espresso dall'ambasciatoreisraeliano a Roma, Naor Gilon, nel corso della conferenza "Fraguerra e pace: il modello di sviluppo d'Israele fra innovazionetecnologica e nuove scoperte energetiche" ospitata al CentroStudi Americani nell'ambito del Festival della Diplomazia. PerIsraele, ha spiegato il diplomatico, "due sono le cosepositive" che potrebbero venire, guadagnare "l'indipendenzaenergetica" e assistere a "una stabilizzazione dellasituazione" nella regione. "Noi siamo un'isola

(AGI) - Roma, 29 ott. - Dai nuovi scenari energetici in MedioOriente, che si potrebbero aprire in seguito alle recentiscoperte nelle acque egiziane, potra' arrivare una stabilita'per la regione: e' l'auspicio espresso dall'ambasciatoreisraeliano a Roma, Naor Gilon, nel corso della conferenza "Fraguerra e pace: il modello di sviluppo d'Israele fra innovazionetecnologica e nuove scoperte energetiche" ospitata al CentroStudi Americani nell'ambito del Festival della Diplomazia. PerIsraele, ha spiegato il diplomatico, "due sono le cosepositive" che potrebbero venire, guadagnare "l'indipendenzaenergetica" e assistere a "una stabilizzazione dellasituazione" nella regione. "Noi siamo un'isola sotto attaccoquindi l'indipendenza energetica e' una potenzialita'" per ilPaese. Ma piu' di tutto e' fondamentale che si raggiunga unastabilita'. "Il problema piu' grande dell'area infatti non e'l'Isis ma l'instabilita'", ha sottolineato Gilon, guardandoall'energia come un mezzo che "puo' aiutare a stabilizzare lasituazione in Medio Oriente" e "aiutare i (Paesi) moderati".(AGI).